Tpl, confermate le agevolazioni per gli studenti sardi.

Grazie ad uno stanziamento di 13 milioni di euro per gli anni 2021 e 2022 resterà invariato il sistema di agevolazioni economiche per gli studenti che utilizzano i mezzi di trasporto pubblico locale in Sardegna. Questa la decisione adottata dalla Giunta regionale che prevede la riduzione del costo dell’abbonamento per autobus urbani ed extraurbani, treni, metropolitane e traghetti, fino ad un massimo dell’80 per cento della tariffa dell’abbonamento personale studenti, mensile (AMS) o annuale (AAS).

“Una misura – spiega l’assessore ai Trasporti Giorgio Todde -, che assume un ruolo ancora più incisivo nell’attuale difficile congiuntura economica causata della pandemia da Covid-19, contribuendo altresì alla riduzione dei costi a carico delle famiglie degli studenti”.

LEGGI ANCHE:  Air Italy, Valter Piscedda: "Silenzio assordante della maggioranza sardo leghista".

In particolare, gli studenti di ogni ordine e grado con ISEE familiare non superiore a euro 25.500, al momento dell’acquisto dell’abbonamento personale mensile, integrato o annuale per tutti i servizi di trasporto pubblico locale su gomma, ferro e via mare, pagheranno soltanto il 20 per cento del costo totale usufruendo di un abbattimento del prezzo del titolo dell’80 per cento. La medesima agevolazione sarà riconosciuta anche, a prescindere dal reddito, a partire dal terzo figlio studente appartenente a un nucleo familiare con almeno tre figli studenti. Tutti gli altri aventi diritto con reddito superiore al valore corrispondente ISEE di euro 25.500 pagheranno il 40 per cento del costo totale dell’abbonamento usufruendo di una riduzione pari al 60 per cento.

LEGGI ANCHE:  CIGD, Zedda: "Evase tutte le domande"