Sicilia, Musumeci diffida i dirigenti generali: “Bloccano la spesa per le imprese”.

“Rimuovere ogni ostacolo per completare il riaccertamento dei residui attivi al 31 dicembre 2021, consentendo così lo sblocco definitivo della spesa e la predisposizione da parte della Ragioneria generale, nel più breve tempo possibile, del rendiconto generale 2021”. Lo ha dichiarato oggi il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci in una nota inviata ai dirigenti generali dei dipartimenti, segnalando i gravi ritardi nei pagamenti delle fatture, da parte dei diversi rami dell’amministrazione regionale, nei confronti delle imprese affidatarie di lavori e servizi pubblici.

Ritardi, evidenziano dalla Presidenza, che a loro volta influiscono sui pagamenti ai dipendenti e ai fornitori, compromettendo, in alcuni casi, la stessa sopravvivenza delle imprese.

LEGGI ANCHE:  Monitoraggio Covid, Christian Solinas: "Miglioramento di tutti gli indicatori".

“I lamentati ritardi, da parte anche delle relative associazioni, risultano essere, per la presidenza della Regione, conseguenza della mancata definizione, nei tempi previsti dalle circolari e dalla istruzioni impartite, degli adempimenti finalizzati al riaccertamento ordinario dei residui al 31 dicembre scorso, con il conseguente blocco o ritardo, a diversi mesi dalla chiusura dell’esercizio finanziario, di una parte rilevante della spesa avviata negli esercizi precedenti. La mancata approvazione entro il 30 giugno scorso del rendiconto generale ha determinato l’applicazione delle sanzioni previste dal regolamento di contabilità e, in particolare, l’impossibilità di utilizzare l’avanzo vincolato, con il conseguente blocco anche della spesa”. 

Nella nota si evidenzia, infine, che è stato già avviato il percorso per il necessario accertamento delle responsabilità dirigenziali.

LEGGI ANCHE:  Disabilità, dalla Regione 1,6 milioni per il turismo accessibile. Antonio Scavone: ".Cerchiamo progetti sostenibili".