Sì al riconoscimento dell’albergo nautico diffuso, Giovanni Conoci: “Nuovo modo di concepire l’accoglienza”.

Nel corso della seduta odierna la commissione Attività produttive ha proseguito l’esame della proposta di legge n.241 presentata dai consiglieri del Psd’Az per il riconoscimento dell’albergo nautico diffuso. Nel corso dei lavori la commissione ha ascoltato i rappresentanti di Confindustria, Assohotel, Assonautica e Rete dei Porti. Tutti, pur con qualche distinguo, hanno espresso giudizi positivi sull’iniziativa di legge del Psd’Az.

“L’albergo nautico è un nuovo modo di concepire l’accoglienza – ha detto il vice presidente di Confindustria Nord Sardegna Giovanni Conoci – in Europa ci sono altri Paesi che da tempo hanno puntato su questo settore. La punta di diamante è rappresentata dalla Croazia che mette in campo circa 6000 imbarcazioni destinate al turismo esperienziale. Grazie a questo, circa 50mila persone entrano in Croazia ogni settimana nella stagione estiva e primaverile. In Sardegna le barche impegnate sono circa 300. C’è evidentemente ancora molto da fare. Questa legge rappresenta un buon punto di partenza. L’obiettivo è arrivare a una quota di 1000 barche, un numero che garantirebbe un giro d’affari di 150 milioni di euro all’anno”.

LEGGI ANCHE:  Aldo Moro, Presidente Fico: "Ricordare è richiamo alle responsabilità di Paese libero e democratico".

Favorevole a un intervento normativo anche il presidente di Assohotel Carlo Amaduzzi: “Le presenze in Sardegna sono ancora poche. L’Isola ha tante potenzialità, ben vengano tutte le iniziative che cercano di individuare nuove forme di accoglienza”. Secondo Amaduzzi le buone intenzioni rischiano però di scontrarsi contro la carenza di servizi nei porti sardi: “Di questo occorre tener conto – ha sottolineato il presidente di Assohotel – il gap infrastrutturale rappresenta un limite”.

Anche per il presidente di Assonautica Italo Senes la proposta di legge va nella giusta direzione: “Il settore ha grandi potenzialità economiche, occorre ora dargli valenza e assicurare servizi adeguati ai turisti che decidono di trascorrere le vacanze in barca”. Senes ha poi suggerito alla Commissione un’integrazione alla legge: “Chi legifera deve tener conto della tutela del mare e dell’ambiente in generale. Sarebbe opportuno prevedere nelle imbarcazioni la presenza obbligatoria dei tank di raccolta delle acque nere in ogni servizio igienico con adeguate strutture di collegamento per lo scarico nei serbatoi dei porti turistici”.

LEGGI ANCHE:  Peste suina, PSd'Az: "L'esecutivo Draghi intervenga per il riconoscimento del diritto di esportare la carne suina".

Più articolato, infine, l’intervento del rappresentante legale della Rete dei Porti Franco Cuccureddu: “Purtroppo la Sardegna è in ritardo – ha detto Cuccureddu – alcuni anni fa il Consiglio decise di stralciare la parte delle professioni turistiche e del turismo nautico dalla legge approvata nella XIV legislatura. Molte di quelle proposte sono ancora attuali. Bisogna adesso capire che cosa si vuol fare, varare una riforma complessiva o intervenire solo su alcuni punti”.

Il rappresentante della Rete dei Porti ha poi invitato la Commissione a chiarire alcuni aspetti: “Se l’obiettivo è favorire il noleggio delle imbarcazioni si sappia che questo settore è già disciplinato da leggi nazionali, altro discorso invece se si parla di house boat, fenomeno molto diffuso in Florida. Quella delle case galleggianti è un’idea che sta prendendo corpo anche in alcuni paesi europei. In questo caso però occorrerà definire bene le competenze che investono inevitabilmente anche la materia urbanistica”.  

LEGGI ANCHE:  Artigianato, agricoltura e turismo. Audizioni in Commissione 'Attività produttive'.