Sardegna, ecco il progetto ‘Mensarda-Mense a km 0’.

Ha preso il via oggi il progetto ‘MenSarda-Mense a Km 0’, promosso dall’assessorato dell’Agricoltura e attuato da Laore e dall’Anci Sardegna, per coinvolgere Comuni, scuole, associazioni di categoria, imprese, ristoratori, altri operatori e istituzioni, interessati a costruire una community a sostegno delle produzioni agricole regionali. “La Sardegna – ha dichiarato l’assessora Gabriella Murgia – ha una tradizione alimentare ricchissima. Puntare su un’alimentazione che valorizzi i prodotti tipici e di qualità è fondamentale per la salute dei sardi, soprattutto dei più giovani”.

Il progetto punta a promuovere le mense pubbliche a chilometro zero, sensibilizzare al consumo consapevole delle produzioni agricole e contribuire a creare coscienza collettiva del patrimonio agroalimentare locale.

Destinatari di ‘MenSarda’ sono i Comuni sardi singoli o in forma associata, le scuole del Primo ciclo (Primaria e di secondo grado), le associazioni di categoria, le imprese del settore della ristorazione, i servizi di Igiene-Sanità e Sociale che hanno competenza in materia. I Comuni che aderiscono al progetto ricevono da Laore e Anci Sardegna il supporto tecnico per la realizzazione delle attività di accompagnamento nella definizione dei capitolati e nella creazione del bacino e ambito di distretto delle imprese, di valorizzazione dell’ambito territoriale e dei prodotti del territorio e di attività formative e informative.

LEGGI ANCHE:  Unità d'Italia, Presidente Mattarella: "Impegno comune e condiviso, nel quadro del progetto europeo, per edificare un Paese più unito e solido".

“La conoscenza dei prodotti agroalimentari sardi porta a rafforzare, attraverso il cibo, il legame fra le nuove generazioni e il territorio. In questo senso per promuovere un’alimentazione sana utilizzando prodotti tipici, tradizionali e a filiera corta nelle mense pubbliche dislocate nel territorio regionale è fondamentale la collaborazione tra Enti pubblici, operatori della ristorazione, consumatori, produttori e trasformatori”, conclude l’esponente della Giunta Solinas.