Sara, la giovane volontaria serba alla scoperta dell’Isola.

Grazie ai programmi dell’Unione Europea come l’Erasmus +, ogni anno migliaia di giovani europei si recano all’estero vivere esperienze di formazione e volontariato. Vere e proprie scuole di vita che offrono straordinarie opportunità di crescita e scoperta del mondo. Sara Đurđević, giovane ragazza serba, è una di loro.

Dopo aver concluso gli studi, ha deciso di trasferirsi in Sardegna, ospite dell’Associazione TDM 2000, per svolgervi un periodo di volontariato. Grazie alle attività dell’associazione che l’accoglie, Sara ha avuto modo di conoscere numerosi luoghi dell’Isola, a partire da quelli esclusi dalle canoniche rotte turistiche.  Un’attività di conoscenza che Sara ama proseguire, ogni volta che può, nel suo tempo libero.

Sara Đurđević

Abbiamo cosi incontrato Sara per conoscere la sua testimonianza di giovane volontaria alla scoperta dell’Isola.

La Sardegna è celebre per le sue spiagge  e ha un capoluogo, Cagliari, sempre più meta di turisti e studenti stranieri. Com’è stato entrare in contatto con i piccoli paesi del cuore della Sardegna che, al contrario, sono sconosciuti al di fuori dell’Isola?

Sono molto felice di aver avuto l’opportunità di conoscere una parte della Sardegna nascosta agli occhi dei turisti. Per me è importante incontrare la gente del posto e conoscere il loro stile di vita e sicuramente questo è il modo migliore per farlo. In questo modo puoi apprezzare la vera bellezza del luogo, conoscere i problemi delle persone, come affrontano la vita e cos’è per loro la felicità. Le grandi città sono belle, interessanti e puoi sempre scoprire qualcosa di nuovo.  Ma è quando vai in qualche villaggio che conosci la cultura, le tradizioni e le diversità che esistono in questi “ micro-universi”.

Quali sono state le tue prime impressioni a contatto con questi luoghi?

 La mia prima impressione è stata che tutto fosse uguale ma, allo stesso tempo, completamente diverso. Serbia e Italia sono due Paesi molto diversi tra loro. Le parti rurali, tuttavia, sono quasi sempre simili se non uguali. In entrambi i casi vi sono comunità con regole salde che devi rispettare e un atteggiamento di chiusura delle persone difficile da superare. Allo stesso tempo, sono rimasta affascinata dai piccoli paesi perché le case e i luoghi sono molto diversi dalla Serbia.

Come sei riuscita all’inizio della tua esperienza, non parlando ancora italiano, a comunicare con le persone che incontravi nei paesi sardi?

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili: due progetti per i giovani sardi.

 Ho gesticolato come gli italiani…ahah. Voglio dire, anche noi in Serbia abbiamo una forte cultura della comunicazione non verbale. Parlando seriamente, dall’inizio ho cercato di imparare l’italiano e ho fatto tutto il possibile per farlo il più velocemente possibile. E immagino che stia andando bene. Nelle mie attività, sono sempre stato circondato dai miei colleghi che mi hanno aiutato molto. Ma per esempio, la mia prima presentazione pubblica in italiano è stata dopo appena un mese essere arrivata qui.

E anche se è stato molto stressante nel senso che stavo leggendo la mia presentazione e non riuscivo a pronunciare molte parole, questo mi ha aiutato molto a migliorare. Ho iniziato con le cose di base: “cosa ci faccio qui”, “da quanto tempo”, “da dove vengo”, come ordinare un caffè o pagare un conto. A poco a poco, sono migliorata così tanto che durante la mia  presentazione in una conferenza ho parlato in italiano senza preparazione e liberamente della mia esperienza. 

Chi differenze hai ravvisato tra la vita nei piccoli villaggi del tuo Paese, la Serbia, e in quelli sardi?

Direi che la prima differenza è che in Serbia abbiamo più città che in Sardegna. Questo cambia completamente la prospettiva delle cose. I giovani dei piccoli villaggi della Serbia lavorano principalmente nel settore agricolo e non hanno tempo per altre attività come ad esempio istruzione e volontariato. Il problema più grande in Serbia è che tutte le risorse e le attività sono concentrate nella capitale e in poche altre città.

A cause di ciò le persone delle altre parti del Paese non hanno molte opportunità e possibilità di essere attive nella società. In Sardegna ho notato il problema degli spostamenti dall’isola. Non è agevole viaggiare e fare alcune esperienze di vita fuori dal paese. Quello che mi ha scioccato è che le persone qui studiano più a lungo e vivono con i genitori anche dopo i 30 anni. Forse non è una regola universale ma l’ho riscontrato spesso con i giovani sardi. Inoltre è difficile raggiungere i giovani per coinvolgerli in attività extrascolastiche.

Quanto importanza viene dato in Serbia al volontariato e alle associazioni?

 Tra le persone che fanno volontariato una grande importanza. Le persone che non lo fanno, pensano che stia perdendo tempo. La cosa nel settore delle ONG è che è un po’ come un cerchio chiuso. A essere attive sono spesso le stesse persone ed è difficile coinvolgerne nuove.

LEGGI ANCHE:  Verso il potenziamento delle radioterapie in Sardegna.

Forse perché le attività non sempre sono adatte ai giovani ed è difficile scuoterli, forse per qualche altro motivo. Un problema che vedo nel volontariato è che alcune persone lo sfruttano come lavoro non retribuito ed è per questo che è importante che i giovani siano consapevoli dei loro diritti e doveri come volontari. Perché sono anche stereotipi di come il volontariato significhi sfruttamento.

Tuttavia, abbiamo in Serbia un’associazione ombrello che unisce più di 100 associazioni giovanili della Serbia e un’associazione nazionale di operatori giovanili che ha lavorato molto duramente e a lungo per ottenere il riconoscimento professionale del lavoro di animazione giovanile. Quindi si, in Serbia il settore associazionistico è molto forte e ci sono numerose attività e opportunità di volontariato a cui i giovani possono prendere parte.

Sara Đurđević

Qui in Sardegna collabori con un’associazione, la TDM 2000. Che differenze vi sono tra le associazioni serbe e quelle italiane nella gestione delle attività?

 È difficile fare generalizzazioni. TDM 2000 è l’organizzazione più professionale con cui ho avuto l’opportunità di lavorare fino a ora. Mi piace l’energia dell’organizzazione e come tutto procede dopo una buona organizzazione delle cose. Cosi come l’importanza dello spirito di squadra, delle amicizie e della condivisione di uno spirito positivo. Conosciamo tutti le nostre responsabilità ma non ci sono sanzioni o costrizioni a fare ciò che non vogliamo. Qui ho iniziato a imparare cosa vuol dire fidarsi di qualcuno che sa fare bene le cose.

Questa è forse la cosa che mi è mancata nelle mie precedenti esperienza in Serbia. Perché c’è una grande energia competitiva e si cerca di danneggiare le persone che potenzialmente possono essere migliori, invece di usarle come risorse per future  cooperazioni. Ho anche avuto, inoltre, l’opportunità di vedere come altre organizzazioni sarde lavorano con i volontari e non posso dire che sia un buon esempio. Quindi, direi che dipende sempre dalle aspettative e dalle persone che lavorano nelle organizzazioni e che sono coinvolte nelle attività.

Quale aspetto del mondo del volontariato sardo ti ha colpito maggiormente?

LEGGI ANCHE:  Arte e Giovani: Street Peers il progetto di TDM2000.

Innanzitutto il collegamento tra gli organizzatori e i volontari o i partecipanti ad attività. Considero ad esempio le serate dei soci che TDM 2000 organizza ogni mese come una buona pratica per tenersi in contatto con i ragazzi, per coinvolgerli in nuove attività ecc.

Parlando della mia esperienza di volontariato, sono ogni giorno più colpita dalla città in cui vivo, dalle persone dell’organizzazione, da come si prendono cura di me e dagli altri volontari, dallo stile di vita, dalla vicinanza col mare.

E mi piace il fatto che si facciano sempre cose nuove e diverse, il che dà dinamicità e opportunità di imparare e sviluppare le mie capacità. Ma la cosa più importante è la dimostrazione di come il lavoro possa essere divertente. 

A quali progetti ti stai attualmente dedicando?

 ho il mio programma radiofonico in cui parlo con persone che hanno svolto progetti di volontariato di lunga periodo all’estero o localmente, scrivo per il blog “100 giorni di volontariato” e collaboro con la rivista Sardegnagol. Recentemente abbiamo terminato il progetto YEN, che si è svolto principalmente nella aree rurali della Sardegna e durante il quale ho parlato della mia esperienza di volontariato.

Inoltre, sono stata coinvolta in diversi progetti che la mia organizzazione ha realizzato a Cagliari. Come l’International Summer Week e alcuni corsi di formazione ecc. Le ultime due settimane sono state tranquille, ma sono sicuro che non durerà un molto ahah.

Mi occupo inoltre del mio progetto personale “1906 steps” in cui condivido le mie esperienze sull’Italia e sensibilizzo su argomenti che sono importanti per me. Infine scrivo per un blog dell’Unità per l’inclusione sociale e la riduzione della povertà (SIPRU) – principalmente sulla posizione delle persone con disabilità in Serbia e ora qui, in Sardegna. 

Di cosa ti occuperai in futuro? 

È una domanda difficile. Non lo so. Perché mi piace questa esperienza e lascio che le cose accadano. Sono consapevole che vivere in Sardegna ti cambia molto e non riesco a immaginare cosa accadrà quando avrò finito questo progetto. L’unica cosa che so è che voglio viaggiare e sto pianificando la mia attività nel campo del turismo che voglio collegare anche con il lavoro giovanile. Quando accadrà? Non presto, di sicuro. Ma sono molto entusiasta della vita.

Photo copyright Sardegnagol