REPowerEU: al via il partenariato industriale per il biometano.

Ieri a Bruxelles, in occasione della Settimana europea dell’energia sostenibile, la Commissione europea ha avviato un partenariato industriale per il biometano in collaborazione con i principali rappresentanti dell’industria, ribadendo il proprio impegno a favore della transizione energetica verde.

In occasione dell’inaugurazione, il Vicepresidente esecutivo Frans Timmermans e la Commissaria Kadri Simson, insieme a Harmen Dekker, Direttore generale dell’Associazione europea per il biogas, e Ole Hvelplund, Direttore generale di Nature Energy, hanno celebrato l’avvio del partenariato industriale per il biometano con l’apertura simbolica di un gasdotto rinnovabile.

Questo nuovo partenariato pubblico-privato, previsto dal piano REPowerEU, mira a sostenere l’obiettivo di aumentare la produzione e l’uso annuale di biometano a 35 miliardi di metri cubi entro il 2030.

LEGGI ANCHE:  Relazioni UE-Regno Unito: il Parlamento adotta misure di emergenza temporanee.

Il partenariato ridurrà la dipendenza dell’Europa dal gas naturale in modo efficiente sotto il profilo dei costi. Nel contempo, contribuirà in modo sostanziale a un sistema energetico integrato a zero emissioni nette, alla diversificazione dei redditi degli agricoltori e a un approccio circolare.

“L’Europa – ha dichiarato Frans Timmermans – ha un enorme potenziale per la produzione di biometano, con il quale possiamo sostituire il gas fossile proveniente dalla Russia con gas locale, sostenibile e rinnovabile. Il biometano crea anche nuove opportunità economiche nelle zone rurali. Il partenariato industriale per il biometano che avviamo oggi contribuirà ad aumentare la produzione e l’uso del biometano in tutta l’Unione europea”.

LEGGI ANCHE:  Antonio Tajani: "Sbarchi di immigrati affetti da Covid-19 rappresentano rischio per la salute dei cittadini".