Rapporto zoonosi: più casi in UE, in Italia salmonellosi al primo posto.

Nel 2021, si è assistito nei paesi dell’Unione Europea a un generale aumento del numero dei casi di zoonosi rispetto al 2020. Le zoonosi maggiormente segnalate nell’uomo sono state la campilobatteriosi e la salmonellosi, al terzo posto la yersiniosi, seguita dalle infezioni da Escherichia coli produttori di Shiga tossina (STEC) e da Listeria monocytogenes. In Italia la salmonellosi si conferma la zoonosi con il maggior numero di casi notificati. È quanto emerge dal nuovo “European Union One-Health Zoonoses report 2021” pubblicato recentemente dall’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) e dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC), relativo ai dati raccolti nel 2021 dai 27 Stati membri UE, dall’Irlanda del Nord e da nove Paesi non-membri.

La redazione del report è stata coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità che ha guidato un team di esperti del Consorzio ZOE (Zoonoses under a One health perspective in the EU) di cui fanno parte oltre all’ISS, l’Istituto Zooprofilattico delle Venezie e l’Istituto Zooprofilattico dell’Abruzzo e Molise (capofila del Consorzio), l’Istituto Zooprofilattico della Lombardia ed Emila Romagna e l’Agence nationale de sécurité sanitaire de l’alimentation, de l’environnement et du travail (Anses).

LEGGI ANCHE:  Vaccini: positivi i risultati degli studi preclinici della piattaforma Iss.

Nel 2021, in UE, le infezioni da L. monocytogenes e da West Nile virus sono state le malattie zoonotiche più gravi, con il maggior numero di ricoveri e tassi di mortalità più elevati. Nel complesso, gli Stati membri hanno segnalato più focolai e casi di origine alimentare nel 2021 rispetto al 2020.

In Italia, in particolare, nel 2021 il numero dei casi confermati di malattia riportato in Italia è aumentato rispetto al 2020 per tutte le zoonosi sottoposte a sorveglianza, ad eccezione della trichinellosi (nessun caso riportato nel 2021) e delle infezioni da virus West Nile (5,8% casi in meno rispetto al 2020), sebbene l’Italia sia stata nel 2020 il paese in Europa con il maggior numero di notifiche di casi di West Nile (43% del totale dei casi riportati in UE).

LEGGI ANCHE:  Visite e ricoveri. Le nuove indicazioni dell’ISS sulle strutture che ospitano le popolazioni fragili.

La salmonellosi si conferma la zoonosi con il maggior numero di casi notificati, seguita da campilobatteriosi, listeriosi, infezioni da STEC, yersiniosi e brucellosi. Rispetto al 2020 l’aumento è stato più marcato per salmonellosi (+38,9%), infezioni da STEC (+44.4%), listeriosi (+55.5%), yersiniosi (+66.7%) e brucellosi (+77.8%), e più moderato per campilobatteriosi (+8,7%). Il numero di casi di salmonellosi, listeriosi e yersiniosi riportati nel 2021 superava anche quello dei casi notificati in ciascuno degli ultimi tre anni pre-pandemici (2017, 2018 e 2019), a testimonianza dell’impatto ridotto delle misure di contenimento pandemico su queste malattie rispetto all’anno precedente.

Nessun caso di febbre Q è stato segnalato in Italia nel 2021.

LEGGI ANCHE:  ISS: "Negli ultimi 45 giorni l’88,7% dei tamponi sequenziati positivo alla variante Delta"

I focolai epidemici di malattie a trasmissione alimentare (MTA), sono stati 94 per un totale di 1.142 casi con 115 ospedalizzazioni e nessun decesso tra i casi epidemici.

Tra i focolai con agente causale conosciuto, Salmonella rappresentava il patogeno maggiormente riscontrato (23 casi), seguito da Campylobacter (10). Nella maggior parte dei focolai segnalati all’EFSA (35) non è stato possibile identificare l’agente causale. Norovirus e altri calicivirus sono i patogeni che hanno coinvolto il maggior numero di casi (409) sebbene siano stati riscontrati in solo cinque focolai epidemici di MTA nel 2021.

In totale, in 21 focolai epidemici di MTA (22,3% del totale) è stato possibile identificare l’alimento coinvolto. Nella maggior parte di questi si trattava di alimenti compositi, costituiti da più ingredienti.