Raffaello. I segreti del restauro de ‘La Muta’.

Scoprire i segreti de “La Muta” di Raffaello e le diverse fasi del recupero dell’enigmatico dipinto a olio su tavola, attraverso il video del Mibact, realizzato per le celebrazioni dei 500 anni dalla morte dell’artista Raffaello Sanzio.

“Il silenzio mentre lo sguardo indugia sugli occhi fissi e grigi e sulle sottili labbra serrate, per poi scendere al décolleté e infine risalire lungo la linea perfetta del naso”: con questa sequenza inizia il video che racconta il lungo e laborioso restauro di uno dei più enigmatici ritratti di Raffaello Sanzio, “La Muta”, conservato alle Gallerie Nazionali delle Marche di Urbino.

L’opera, corrosa dai tarli, ha conosciuto un serio intervento conservativo nel 2014 per mano dei tecnici dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze.

LEGGI ANCHE:  Il restauro de "La figlia di Iorio' di Paolo Michetti.

Le diverse sequenze degli interventi diagnostici, a partire dalla radiografia che ha evidenziato la vastità degli attacchi al supporto ligneo da parte di insetti xilofagi per arrivare alla disinfestazione del dipinto e la sua integrazione pittorica, sono illustrate con cura dai restauratori, che rivelano anche le tante scoperte rese possibili dalle analisi: dai diversi segni di pentimento nel disegno sottostante all’uso del nero d’ossa e di pigmenti di rame, sono molti gli elementi emersi da un restauro che ha permesso di restituire luce e splendore all’opera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.