Putin a Macron e Scholz: “Stop armi all’Ucraina e revoca delle sanzioni”.

Il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ieri si è confrontato con il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron e il Cancelliere federale tedesco Olaf Scholz. Al centro della conversazione la sicurezza alimentare globale e le condizioni per la riapertura dei negoziati con Kiev.

Nel corso della conversazione Putin ha rilevato che “le forze armate russe stanno osservando le norme del diritto internazionale a Mariupol e nelle altre città del Donbass” e ancora, con riferimento allo stallo nei negoziati, che “si sono bloccati per colpa di Kiev e per via della incessante fornitura di armi occidentali all’Ucraina”.

I rappresentanti dei due Paesi UE hanno poi espresso le proprie preoccupazioni per la sicurezza alimentare globale. Sul tema Putin ha dichiarato che le vere ragioni dell’instabilità delle forniture alimentari sono dovute alle politiche economiche e finanziarie adottate dai Paesi occidentali e, in particolare, alle sanzioni contro la Russia: “Noi – ha dichiarato nell’occasione Putin – siamo pronti ad aiutare a trovare opzioni per le esportazioni di grano, inclusa l’esportazione dai porti del Mar Nero. L’aumento delle forniture di fertilizzanti e prodotti agricoli russi – conclude – aiuterà anche a ridurre le tensioni nel mercato alimentare globale, ma ciò richiederà sicuramente la revoca delle sanzioni”.

LEGGI ANCHE:  Disastro di Chernobyl, Carles Puigdemont: "Accoglienza minori bielorussi interrotta dal Covid-19".

foto Kremlin.ru