Progetto YEN. Il racconto di una giornata dedicata all’educazione non formale.

Proseguono le attività di “YEN – Youth Empowerment Networking”, il progetto dell’associazione TDM 2000 dedicato alla promozione del volontariato, del civismo e dell’associazionismo in Sardegna. Nell’incontro di ieri, tenutosi sulla piattaforma zoom, si è discusso di uno degli ambiti più importanti legati alle attività di volontariato: l’educazione non formale.

Benchè ancora sconosciuta a molti, l’educazione non formale è una modalità d’apprendimento utilizzata in numerosi e variegati ambiti quali impresa, associazionismo, sport. La sua peculiarità è il porre al centro del percorso formativo le esigenze e le aspettative del discente. Ciò rende l’educazione non formale di straordinaria efficacia, in particolar modo in contesti caratterizzati da abbandono scolastico e disagio sociale.

LEGGI ANCHE:  Assicurazioni: gli eredi possono conoscere i beneficiari delle polizze.

Nel corso dell’incontro, coordinato dall’esperto del settore Jan Lai, si è discusso delle applicazioni concrete dell’educazione non formale in attività di volontariato e di animazione giovanile. Fra le best practice illustrate, il progetto “City of Learning” realizzato da Assonur, sul riconoscimento delle competenze acquisite nelle attività di educazione non formale e volontariato. I lavori hanno visto inoltre la partecipazione di formatori e progettisti che hanno condiviso esperienze personali e idee per la promozione dell’educazione non formale in Sardegna.  

“YEN – Youth Empowerment Networking” è finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali e realizzato con il contributo dalla Fondazione di Sardegna e della Direzione generale delle politiche sociali dell’Assessorato all’igiene e alla sanità della Regione Sardegna.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili e mobilità internazionale: opportunità per i giovani sardi.

Il prossimo incontro in calendario si terrà l’8 giugno e sarà dedicato alla promozione della cittadinanza attiva giovanile.