Porto Canale, Giampietro Comandini: “Il porto può ripartire”.

Dopo la notizia dell’approvazione di una nuova autorizzazione paesaggistica per il Porto Canale, fondamentale per lo sblocco dei lavori e il riavvio dell’infrastruttura, il consigliere del Partito Democratico, Giampietro Comandini, è intervenuto per rimarcare l’importanza del provvedimento del Governo nazionale per il compendio portuale.

“Il Consiglio dei Ministri, riunitosi ieri a tarda sera, ha finalmente risolto l’annosa vicenda del vincolo paesaggistico che da 2010 blocca e compromette lo sviluppo del porto canale di Cagliari. C’è stato il rigetto avverso il decreto dell’Autorità portuale di Cagliari promosso dal MIBACT, per la realizzazione di tutta una serie di opere infrastrutturali”.

“Ora – ha proseguito l’esponente del Partito Democratico in Consiglio regionale – il Porto Canale potrà ospitare nuovi ormeggi per i traghetti, spostandoli così dal porto storico, creare un polo cantieristico da diporto e altri progetti dei concessionari (agenzie merci e spedizionieri) oltre al gassificatore e la ricerca di un nuovo concessionario per il Porto Canale sarà meno difficile. Programmi fermi a causa della mancanza dell’autorizzazione paesaggistica”.

LEGGI ANCHE:  Scuola, da CdM via libera a 97.223 assunzioni.

“Con questo importante provvedimento del Governo nazionale, le prospettive del porto di Cagliari possono avere una nuova visione positiva e i progetti, fermi da anni, ripartire”, ha concluso Comandini.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.