Politiche giovanili: 2019 da record per i programmi Erasmus+ ed ESC.

Nel nostro Paese, nonostante le politiche giovanili siano quasi del tutto assenti e non istituzionalizzate, i giovani dimostrano tutto il loro spirito di resilienza, come confermano i dati della prima relazione dell’ANG presentata al Parlamento. Nel 2019, infatti, sono stati presentati 1511 progetti in Erasmus+ e 414 progetti in ESC per un totale di € 18.358.472,24, la cifra più alta impegnata nel corso dell’ultima programmazione europea 2014-2020: risorse destinate rispettivamente € 11.177.420,24 al Programma Erasmus+ e € 7.181.052,00 al Programma ESC, coinvolgendo 22.144 partecipanti.

Attraverso i 1065 beneficiari i progetti di mobilità internazionale e di volontariato realizzati dai giovani nel 2019 sono stati realizzati in tutto il territorio nazionale: Abruzzo (32) Basilicata (46) Calabria (59) Campania (111) Emilia Romagna (58) Friuli Venezia Giulia (14) Lazio (126) Liguria (9) Lombardia (76) Marche (19) Molise (13) Piemonte (72), Provincia Autonoma di Bolzano (4) Provincia Autonoma di Trento (10), Puglia (75), Sardegna (53) Sicilia (156) Toscana (55) Umbria (19) Valle d’Aosta (3), Veneto (55). Tra queste regioni la partecipazione femminile oscilla tra il 63% (Marche) e il 49,1 (Molise) mentre la fascia d’età più coinvolta è quella compresa tra i 19 e i 25 anni.

LEGGI ANCHE:  PNRR, il piano per i giovani mantiene il suo aspetto "universitario-centrico".

L’Italia, secondo la relazione ANG, è il primo Paese di destinazione dei giovani europei che hanno aderito al Corpo Europeo di Solidarietà, a partire da dicembre 2016. Dei 30mila giovani che hanno partecipato ai progetti, 2.983 sono stati accolti in Italia principalmente per volontariato, ma anche per tirocini e lavoro.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.