Militanti Popolo della FamigliaIl Popolo della Famiglia Sardegna, si mobilità dopo la proposta di legge contro l’omobitransfobia e le discriminazioni di genere da parte di Maria Laura Orrù, Consigliere regionale dei Progressisti, e Gianmarco Capogna, Portavoce nazionale della campagna LGBTI+ di Possibile. "Il movimento ritiene inutile la proposta di legge - fanno sapere dal Popolo della Famiglia - poichè esistono già delle leggi a tutela delle discriminazioni di ogni genere; serve solo applicarle per reprimere ogni abuso ma non si usi questo aspetto per approvare un progetto di legge che riduce i margini di libertà di espressione ai cittadini della Sardegna". Riteniamo offensiva anche solo la proposta avanzata, visto che, sino ad ora, si è lasciata a tutti piena libertà di espressione anche consentendo lo svolgersi di manifestazioni di protesta e di indubbio gusto, come i vari gaypride isolani". Per il Popolo della Famiglia la proposta potrebbe ledere il diritto di pensiero ed espressione: "Così facendo, non si fa altro che seguire il filone del ddl Scalfarotto, affossato in Parlamento grazie sopratutto al Family Day del 2015, con l’obiettivo di dare una pistola fumante in mano alla Regione e poi ai giudici per colpire chi non si allinea alla neolingua del pensiero dominante arcobaleno. L’omobitransfobia è un concetto astratto che nella realtà non esiste; esistono le discriminazioni. E’ utile, semmai, unirci per combatterle insieme, ma non creiamo un’etica di Stato dove, a farla da padrone, sia il pensiero dominante del mondo lgbt".