Condividi

Fausto Piga, foto Sardegnagol riproduzione riservataComplice il bel tempo, si intensificano le partenze dal Nord Africa e il timore è che oltre a nuove tragedie del mare ci siano seri rischi per la gestione dell'emergenza sanitaria. Una preoccupazione evidenziata oggi dal consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Fausto Piga, per richiamare l'attenzione delle istituzioni nazionali sull'emergenza migranti nel Sud Sardegna.

Da gennaio, infatti, sono circa 500 i migranti approdati nell'Isola e tra questi preoccupa il continuo aumento dei casi positivi al Covid e le difficoltà riscontrate nella sorveglianza dei migranti, spesso in fuga dai centri di accoglienza.

“Un blocco navale è l'unica via possibile al momento - ha proseguito Fausto Piga -, non dobbiamo rischiare di rendere vani i sacrifici fatti dai cittadini durante l'inattività forzata". Un'emergenza che deve essere fronteggiata con la giusta sensibilità per l'esponente di Fratelli d'Italia: “Basta con la demagogia del razzismo e con i falsi moralismi a giorni alterni, siamo di fronte a un’emergenza che va affrontata con scelte coraggiose e decise per salvaguardare la sicurezza nazionale”.

Un tema sollevato da tempo in Parlamento dal deputato Salvatore Deidda (FdI) che, nelle scorse settimane, ha presentato un'interrogazione sugli sbarchi degli algerini in Sardegna e, in particolare, sulle criticità per la sicurezza legate alla fuga dei migranti dal Centro di Monastir, come il mancato rispetto della quarantena, gli atti di violenza e delinquenza e, infine, in merito all’idoneità della struttura di Monastir.

Go to top