Condividi

Carla CuccuLa consigliera regionale Carla Cuccu è stata sospesa dal Movimento 5 Stelle. Questa la decisione comunicata dai Probiviri del M5S alla consigliera grillina. Un provvedimento nell'aria da tempo, come confermato dalle contestazioni rivolte all'attenzione della consigliera regionale, considerata troppo vicina alle forze di maggioranza. 

Una sospensione, però, inaspettata per la stessa Cuccu che, oggi, ha voluto puntualizzare la sua posizione nei confronti della decisione dei Probiviri: “Confermo di avere ricevuto dai Probiviri del M5S un provvedimento di sospensione, adottato inaudita altera parte, ove mi si contesta di sottoscrivere atti consiliari, in favore dei cittadini, depositati con rappresentanti del gruppo misto e delle forze politiche di maggioranza".

"Dispiace - ha proseguito l'ex grillina - che non abbiano considerato anche i numerosi altri atti sottoscritti con le forze di opposizione. In questa circostanza, apprendo che quanto da sempre sostenuto dal M5S non è più valido e cioè che quando un'idea buona è in favore dei cittadini, non è né di destra né di sinistra e la si sostiene. Temo che una simile linea di condotta possa portare alla sospensione di tantissimi altri porta voce, consiglieri regionali, comunali e parlamentari, per medesime iniziative, bloccando, così, l'attività del movimento".

Carla Cuccu"Comunque, ci tenevo a comunicare di essere serenissima e cercherò di capire chi è che ha preso l'iniziativa, valutando il da farsi coi miei amici avvocati - ha aggiunto Carla Cuccu-. In tutti i casi il regolamento prevede che ci sia il termine di cinque giorni per proporre reclamo al Comitato di Garanzia. Pertanto avrò modo, in quella sede, di chiarire la verità fattuale e l'insussistenza di qualsivoglia violazione disciplinare, perlomeno statuto e codice etico alla mano, certa della democrazia interna nel M5S. Sono nel M5S dal lontano 2010 ed anche in questo frangente continuerò a portarne avanti il progetto politico di concreto e coraggioso cambiamento".

"Colgo l'occasione per ringraziare tutta la stampa per l'attenzione richiamata sulla mia correttezza politica, da sempre conforme ai principi e valori del M5S, oltre a tutti i colleghi dell'intero consiglio regionale della XVI legislatura, agli attivisti del M5S, agli amici e colleghi del mondo forense che, attoniti, continuano a manifestarmi stima ed affetto. Il mio appello accorato è quello di unirsi e non di dividersi".

Il provvedimento di sospensione resterà, però, inefficace fino alla pronuncia sul reclamo.

Go to top