Pnrr, le prospettive per le donne dell’Isola.

La pandemia ha prodotto un tragico effetto detonatore per il mercato del lavoro acuendo le già fragili dinamiche dell’occupazione femminile. Una realtà sulla quale la delegazione Sardegna di Aidda – l’associazione di imprenditrici e donne dirigenti d’azienda – entrerà nel merito per fare luce sulle reali prospettive che il Pnrr potrebbe generare per le donne sarde.

Ad aprire i lavori del dibattito, in programma giovedì 24 febbraio, ore 18, a Villa Fanny (via Don Bosco 8), la presidente Aidda, Rosi Sgaravatti. Seguiranno gli interventi di Sabrina Perra dell’Università di Cagliari che analizzerà lo scenario del mercato del lavoro nell’isola con riferimento alle donne e alle distorsioni radicate aggravate dalla crisi sanitaria mentre Tiziana Putzolu, Consigliera regionale di Parità, traccerà un quadro prospettico partendo dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza considerando gli aspetti economici e normativi.

LEGGI ANCHE:  RdC. Il Comune di Sassari segnala 20 nuclei all'INPS per la sospensione della misura.

Oltre a focalizzare l’attenzione sui rilevanti flussi finanziari trasversali messi a disposizione dal PNRR analizzerà alcune azioni volte a migliorare l’occupabilità delle donne e ad eliminare le discriminazioni all’interno delle organizzazioni del lavoro, a partire dalle gare d’appalto per giungere sino alle certificazioni delle imprese.