Pnrr: 300 milioni per gli alloggi universitari.

Da oggi, 29 agosto, al 29 settembre organismi regionali per il diritto allo studio, università e istituzioni AFAM potranno presentare le domande per il cofinanziamento degli interventi nelle case dello Studente. A sostenere il piano d’interventi per il diritto allo studio ci saranno circa 300 milioni di euro, previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Il  decreto del ministro dell’Università e della Ricerca n. 1046 del 26 agosto 2022, in particolare, stabilisce che i posti letto dovranno essere completati e assegnati sulla base delle graduatorie adottate dagli enti competenti entro il 20 dicembre 2022 prioritariamente a studenti capaci e meritevoli anche se privi di mezzi.

LEGGI ANCHE:  ACLI Sassari: "Grave denuncia Corte dei Conti su Liste d’attesa".

Le richieste di cofinanziamento – che non potranno essere superiori a euro 40.000 per singolo posto letto – dovranno essere inviate al MUR,

Come per le altre misure previste dal PNRR, anche in questo caso è previsto che il 40% dell’investimento complessivo di 300 milioni sia destinato a soggetti proponenti con sede legale nelle regioni del Mezzogiorno. Nel caso in cui, al termine della valutazione delle domande che sarà svolta da una apposita Commissione, non vi siano proposte ammissibili al finanziamento sufficienti a esaurire le risorse assegnate al Mezzogiorno, le risorse residue saranno assegnate alle prime proposte utili nella graduatoria relativa all’area del Centro-Nord.

LEGGI ANCHE:  Legge di bilancio, Bianchi: “Per la scuola 900 milioni. Continua investimento sul settore Istruzione”.