Parco dei Suoni, Sardegna Concerti: “Gettiamo la spugna”.

Si conclude la collaborazione tra il Parco dei Suoni di Riola Sardo e Sardegna Concerti. Una decisione sofferta – fanno sapere i promotori di SC – comunicata al termine dello spettacolo di Ben Harper dello scorso 9 agosto.

Proprio il concerto dell’artista americano avrebbe fatto emergere importanti “pecche logistiche” secondo Sardegna Concerti: “In occasione dell’organizzazione dell’evento sono emerse diverse lacune che hanno causato notevoli disagi agli spettatori presenti, in particolare alla categoria di utenza dei disabili, in evidente contrasto con la nostra policy che da sempre riserva loro la massima attenzione”.

“Assumendoci integralmente la responsabilità di tutto ciò e scusandoci vivamente con tutti coloro che ne hanno patito le conseguenze – si legge nella nota degli organizzatori – dobbiamo sottolineare che le carenze organizzative verificatesi in occasione del concerto di Ben Harper altro non sono che la conseguenza delle criticità economiche e logistiche che tuttora, nonostante i poderosi sforzi compiuti negli ultimi sette anni, impediscono a questa struttura, tra le migliori in Europa, di svilupparsi come meriterebbe”. 

LEGGI ANCHE:  Osservatorio regionale dispersione scolastica. Al via il primo tavolo regionale.

Da qui la decisione di Sardegna Concerti di “gettare la spugna”, auspicando che anche questo ulteriore gesto possa contribuire a richiamare l’attenzione di chi istituzionalmente dovrebbe avere cura e impedire che il Parco dei Suoni e delle Arti di Riola Sardo torni a diventare nuovamente una discarica.

foto Sardegna Concerti