Osservatorio delle comunicazioni: calano gli ascolti in tv e i quotidiani venduti.

Non accenna ad interrompersi la flessione negativa per la stampa e la televisione italiana. Secondo i dati dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni nella prima metà dell’anno il settore televisivo, ha registrato un calo degli ascolti nel “giorno medio” di circa 0,81 milioni di spettatori/trici (-9,8%) rispetto al corrispondente mese del 2021. Anche la fascia oraria “prime time” (16,76 milioni lo scorso giugno) registra una flessione di 2,74 milioni rispetto al giugno 2021.

Esaminando i valori medi giornalieri da inizio anno, nella prima metà dell’anno gli spettatori nel “giorno medio” sono stati pari a 8,87 milioni, in flessione di circa un milione (pari a -10,2%) rispetto al corrispondente valore del 2021 (9,87 milioni). Nel “prime time”, invece, la flessione è stata più intensa, pari a 2,8 milioni (da 23,47 milioni del primo semestre 2021 a 20,67 milioni del corrispondente periodo del 2022 (-11,9%).

Nei primi sei mesi dell’anno, con riferimento agli ascolti medi giornalieri dei principali gruppi editoriali televisivi nel giorno medio, la Rai guida la classifica con 3,43 milioni di telespettatori (38,6% di share) seguita da Mediaset con 3,32 milioni (37,4%). Rispetto ai corrispondenti dati del 2021, si osserva un calo maggiormente intenso per la Rai (-520mila spettatori giornalieri rispetto ai 150 mila di Mediaset).

Tendenza analoga si registra nel “prime time”: nel periodo gennaio-giugno la Rai ha avuto ascolti medi giornalieri per 8,33 milioni (40,3% share), contro i 7,81 di Mediaset (37,8% share). In questo caso la flessione dei telespettatori rispetto alla prima metà del 2021 si amplia a 1,38 milioni per Rai e a 420 mila per Mediaset. Allo stesso tempo La7 nel prime time registra ascolti pari a 1,13 milioni (5,4% di share), in calo di 240mila ascolti.

In flessione, sia nel “giorno medio” che nel “prime time”, anche gli spettatori di Discovery, Comcast/Sky e La7. Le prime due nel complesso passano da 1,46 a 1,31 milioni di spettatori (-10,5%) nel “giorno medio” e da 3,26 a 2,72 milioni (-16,4%) nel “prime time”.

L’analisi dell’evoluzione degli ascolti dei principali telegiornali nel giorno medio evidenzia, nella prima metà dell’anno, un aumento rispetto al 2021 di 0,28 milioni di ascolti (da 16,51 a 16,80 milioni) nelle edizioni in onda nella fascia oraria 18:30-20:30 e una flessione di 2,26 milioni in quella 12:00-14:00 (da 15,70 a 13,44 per la seconda).

Da inizio anno nella fascia serale, i TG della Rai hanno perso su base annua il 14,8% degli ascolti giornalieri (da 12,66 a 10,47 milioni), con riduzioni meno intense per il TG1 delle 20:00 (da 5,61 a 4,99 milioni di spettatori pari al -9,3%), il TG3 delle 19:00 è passato da 2,30 a 1,84 milioni di spettatori (-19,9%), mentre il TG2 delle 20:30 ha visto una flessione degli ascolti del 24,9% (da 1,70 a 1,28 milioni).

LEGGI ANCHE:  Bielorussia, OCSE: "Rappresaglie giudiziarie contro giornalisti".

I TG serali di Mediaset, in media, hanno registrato una complessiva riduzione del 6,6% (da 5,92 a 5,23 milioni di spettatori): gli spettatori del TG5 delle 20:00 si riducono di circa 440 mila spettatori, passando da 4,46 a 4,02 milioni (-9,8%), quelli di Studio Aperto delle 18:30 passano da 800 mila a 570 mila (-27,9%), mentre più contenuta risulta la flessione degli ascolti TG4 delle 19:00 (da 660 a 630 mila spettatori giornalieri (-4,9%).

Sempre con riguardo alla fascia serale, il TG La7 delle 20.00 passa da 1,26 a 1,10 milioni di ascolti (-13,3%).

Guardando alle edizioni della fascia oraria 12:00-14:30, i TG della RAI perdono complessivamente oltre 1,56 milioni di spettatori (da 10,08 a 8,52 milioni di spettatori) mentre quelli del gruppo Mediaset circa 620 mila (gli spettatori complessivi passano in questo caso da 4,98 a 4,35 milioni circa).

Nella prima metà dell’anno gli spettatori medi giornalieri dei due principali telegiornali, il TG1 delle 13:30 ed il TG5 delle 13:00 sono pari rispettivamente a 3,58 milioni (4,03 milioni nel 2021, -11,1%) e 2,87 milioni (3,13 milioni nel 2021, -8,1%).

Gli ascolti del TG La7 delle 13:30, passando da 0,65 a 0,57 milioni circa, flettono per circa 80 mila unità.

Va osservato che gli ascolti medi complessivi dei TG considerati del primo semestre dell’anno risultano in ogni caso inferiori (per 660mila spettatori nella fascia 12:00-14:00 e di circa 670 mila in quella serale) ai corrispondenti livelli, pre-pandemici, dei mesi gennaio-giugno 2019.

Nell’editoria quotidiana, ancora, si conferma l’andamento negativo già rappresentato nei precedenti Osservatori: nei primi sei mesi del 2022, in media, giornalmente, sono state vendute 1,57 milioni di copie, in flessione del 9,2% rispetto al corrispondente valore 2021 e del 32,2% rispetto ai corrispondenti livelli di vendita del 2018.

Guardando alla distribuzione territoriale delle copie vendute, cioè tra ambito nazionale (che nella prima metà dell’anno rappresentano il 48,1% delle copie complessive) e locale, le seconde su base annua hanno registrato una flessione maggiormente marcata rispetto a quanto fatto registrare dalle testate nazionali (-11,0% contro -7,1%).

Le copie vendute quotidianamente in formato cartaceo hanno visto nel primo semestre del 2022 una riduzione del 9,8% rispetto al 2021, e del 36,1% nei confronti del corrispondente valore del 2018.

I quotidiani venduti in formato digitale non hanno registrato variazioni di particolare rilievo (oscillano intorno ad una media di 210 mila copie giornaliere nel 2022), con una riduzione maggiormente contenuta su base annua (-5,3%) ma in crescita (+12,6%) rispetto al corrispondente valore del 2018, quando le copie erano pari a circa 190 mila unità giornaliere.

LEGGI ANCHE:  Bielorussia, OSCE: "Il Ministero dell'Informazione blocca il portale Tut.by".

Appare opportuno osservare come la distribuzione delle vendite di copie digitali risulti maggiormente concentrata rispetto a quella cartacea: le prime cinque testate del segmento digitale rappresentano poco meno del 60% delle copie complessivamente vendute nel primo trimestre del 2022, mentre il corrispondente valore per la versione cartacea quasi si dimezza (34,4%).

In relazione ai diversi “generi” editoriali presenti sul mercato, i principali cinque quotidiani a diffusione nazionale considerati “generalisti” (L’Avvenire, Il Corriere della Sera, Il Messaggero, La Repubblica, La Stampa) registrano nei primi sei mesi dell’anno una flessione nella vendita di copie cartacee pari al -10,4% rispetto al 2021. Si evidenzia peraltro come questi abbiano registrato, allo stesso tempo, una riduzione nella vendita giornaliera di copie in formato digitale più contenuta (-5,8%).

Relativamente al campione preso in considerazione da ADS, l’analisi per operatore vede, in termini di copie complessivamente vendute da inizio anno, GEDI quale principale gruppo editoriale (20,4%) seguito da Cairo/RCS (18,0%) e da Caltagirone Editore e Monrif Group (rispettivamente con l’8,7 e l’8,4%).

Analizzando i dati di utilizzo delle piattaforme online, nel mese di giugno 2022 circa 43,8 milioni di utenti unici hanno navigato in rete in media per un totale di 65 ore di navigazione. Ai primi posti della graduatoria si confermano l’insieme di siti web e applicazioni che hanno come riferimento i big player internazionali (Alphabet/Google, META/Facebook, Amazon), seguiti da quelli relativi ad alcuni tra i principali gruppi editoriali nazionali (Ciaopeople, Rcs Mediagroup, Mediaset, Italia Online, GEDI).

Con riferimento all’andamento delle audience dei siti e applicazioni di informazione generalista, lo scorso giugno si sono registrati 39,4 milioni di utenti unici, con un incremento (+1,2 milioni di utenti) rispetto a giugno 2021).

L’analisi della dinamica delle piattaforme online di e-commerce evidenzia, con 37,3 milioni di utenti unici, una dinamica a giugno 2022 in leggera flessione rispetto al 2021 (-70 mila utenti) ed una più ampia (-0,7 milioni) rispetto a giugno 2020.

Ai primi posti si collocano i siti e le applicazioni di e-commerce di proprietà di Amazon (con 34,8 milioni, in crescita di 1,6 milione di utenti unici rispetto a giugno 2021) seguiti da quelli di eBay (in lieve flessione di -1,4%) e da Adevinta/Subito.it (con un -7,9%).

Per quanto riguarda l’andamento degli utenti unici delle piattaforme che offrono servizi di video on demand (VOD) esclusivamente a pagamento, a giugno 2022, con 13,7 milioni, si riscontra una crescita di 232.000 navigatori rispetto allo stesso mese del 2021. In media, nel primo semestre dell’anno, Netflix registra 9 milioni di utenti unici (+4,7% rispetto al primo semestre del 2021) ed è seguita da Amazon Prime Video con 6,4 milioni di visitatori (+12,4%), ma è di Disney+, con 3,4 milioni di internauti, che realizza la crescita più intensa (+43%). Analogamente Dazn che raggiunge i 2,3 milioni di utenti unici presenta un’evoluzione crescente (+21,6% rispetto agli utenti medi del primo semestre del 2021).

LEGGI ANCHE:  I Giant Rooks annunciano il nuovo singolo “Morning Blue”.

Appare, inoltre, opportuno evidenziare come nei primi sei mesi del 2022, l’andamento del tempo di navigazione sui principali siti di streaming video che offrono servizi esclusivamente a pagamento sia stato mediamente pari a circa 37 milioni di ore mensili, in flessione rispetto ai 44 milioni del giugno 2021. L’analisi circa il tempo complessivamente trascorso dai navigatori sulle diverse piattaforme consente di evidenziare, nel primo semestre del 2022, una flessione del 13,6% relativamente a Netflix (che da 226 milioni di ore nei primi sei mesi del 2021 passa a 196 milioni di ore); mentre il tempo speso su Amazon Prime cresce del 21,6% (da 29 milioni di ore nei primi sei mesi del 2021 a 36 milioni di ore nello stesso periodo del 2022). Analogamente, anche Disney+ e Dazn registrano una crescita delle ore complessive trascorse dagli utenti su base semestrale (che passano, rispettivamente, da 8 a 15 milioni di ore e da 3 a 5 milioni di ore di navigazione complessive confrontando i primi 6 mesi del 2021 e 2022).

Relativamente all’evoluzione degli utenti unici delle piattaforme di video on demand (VOD) che offrono servizi gratuiti, si riscontrano 32,3 milioni di navigatori unici a giugno 2022 (in flessione rispetto al valore di giugno 2021).

Al riguardo si evidenzia come, tra le piattaforme gratuite quelle maggiormente visitate nella prima metà dell’anno (in termini di utenti unici medi mensili) sono risultate News Mediaset Sites (con 22,6 milioni), Sky TG24 (con 9,3 milioni) e RaiPlay (8,5 milioni di utenti unici).

Passando all’andamento del tempo di navigazione, si osserva, nel mese di giugno 2022, una lieve flessione delle ore trascorse dagli utenti su tali piattaforme pari a 25 milioni di ore complessivamente (-2 milioni di ore rispetto a giugno 2021). L’analisi del tempo complessivamente trascorso dai navigatori sulle singole piattaforme nel primo semestre evidenzia come RaiPlay sia la piattaforma maggiormente frequentata con poco meno di 67 milioni di ore navigate seguita da News Mediaset Sites con quasi 34 milioni e Sky TG24 con circa 6 milioni di ore.

Foto di otrags da Pixabay