Oristano, San Martino: istituito il Gruppo Oncologico Multidisciplinare.

All’ospedale San Martino di Oristano è stato istituito oggi il Gruppo Oncologico Multidisciplinare, che riunisce tutti gli specialisti coinvolti nel trattamento dei pazienti affetti da neoplasie. Il gruppo esaminerà settimanalmente ogni singolo caso, individuando in maniera sinergica il miglior percorso diagnostico e terapeutico a cui sottoporre il paziente oncologico, un percorso personalizzato e mirato a garantire le cure più adeguate ed efficaci per ciascuno.

Nonostante le difficoltà legate alla pandemia da Covid-19, ricordano dall’Assl Oristano, nel nosocomio non è mai cessata la cura e l’assistenza ai malati oncologici.

Negli ultimi mesi si è inoltre rinforzata l’equipe chirurgica con l’arrivo del nuovo direttore dell’Unità operativa di Chirurgia Massimiliano Coppola, esperto in chirurgia laparoscopica, e sono così aumentati gli interventi mini-invasivi e laparoscopici.

LEGGI ANCHE:  Tassa di soggiorno negli alberghi, Paolo Truzzu: "Meno imposte per i cittadini".

Grazie alla collaborazione tra i vari specialisti operanti al San Martino e a quella del personale infermieristico, sono stati presi in carico numerosi pazienti affetti da neoplasie dell’apparato digerente e non solo. In particolare, sono stati curati diversi casi di tumori del colon, del retto e dello stomaco. La maggior parte di questi (circa il 90%) è stato sottoposto ad intervento chirurgico laparoscopico. Questa metodica, effettuata mediante piccole incisioni sull’addome, assicura almeno la stessa efficacia degli interventi tradizionali ad addome aperto, ma è in compenso meno traumatica e meno invasiva per il paziente, consentendo una ripresa più rapida dopo l’operazione.

La chirurgia laparoscopica, già comunemente usata ad Oristano per l’asportazione della colecisti o dell’appendice, viene oggi utilizzata anche nell’asportazione di tratti di colon o retto per la cura delle diverticoliti o delle neoplasie, garantendo risultati ottimali.

LEGGI ANCHE:  San Martino. Si profila una soluzione per emodinamica e neurologia.

L’obiettivo è quello di adottare con sempre maggiore frequenza le metodiche mini-invasive e di avere un approccio multidisciplinare al paziente affetto da neoplasie. Tutto ciò per poter assicurare a tutti i cittadini che si rivolgono all’ospedale San Martino cure di alta qualità al passo con i tempi e con le linee guida nazionali.