Occupati nella ricerca: il 52% è donna in Ue.

Nel 2023, 78,3 milioni di persone nell’UE di età compresa tra 15 e 74 anni erano impiegate nel settore della scienza e della tecnologia , indicando un aumento del 2,9% rispetto al 2022. Se si guarda al 2013, i dati mostrano un aumento sostanziale del 25% nell’ultimo decennio (62,5 milioni di persone ).

Dei 78,3 milioni di persone impiegate nel settore della scienza e della tecnologia, il 52% erano donne. Donne prevalentemente impegnate in attività di servizio (57% donne contro 43% uomini).

Nelle regioni dell’UE al livello 1 della nomenclatura delle unità territoriali per la statistica (NUTS 1), secondo l’Eurostat, le percentuali più elevate di donne impiegate nel settore scientifico e tecnologico nel 2023 sono state osservate in Lituania e Lettonia (entrambe al 63% e singole regioni a questo livello di dettaglio ), seguita dalla regione tedesca della Sassonia-Anhalt (62%). 

LEGGI ANCHE:  Protezione della salute: nuove misure per limitare le microplastiche.

All’estremità opposta della scala, le quote più basse si registrano a Malta (45%) e in 4 regioni italiane: Nord-Ovest, Sud (entrambe al 46%) e Nord-Est e Centro (entrambe al 47%). 

Tra le risorse umane nel campo della scienza e della tecnologia, un sottogruppo significativo è composto da scienziati e ingegneri che costituiscono un quarto (24%) di tutte le persone impiegate nel settore scientifico e tecnologico nell’UE, con un aumento del 4,8% rispetto al 2022. La Germania impiega il maggior numero di scienziati e ingegneri tra i Paesi dell’UE, con oltre 3,9 milioni di scienziati e ingegneri di età compresa tra 15 e 74 anni. 

Nonostante le donne costituissero la maggioranza delle persone impiegate nella scienza e nella tecnologia, erano sottorappresentate come scienziati e ingegneri, rappresentando il 41% del totale degli scienziati e ingegneri nel 2023. Questa quota è cresciuta solo di 1 punto percentuale negli ultimi 10 anni, ma il numero assoluto di donne che lavorano come scienziate e ingegneri è cresciuto del 50% in quel periodo, da 5,1 milioni nel 2012 a 7,7 milioni nel 2023.

LEGGI ANCHE:  Kuhs: "La Commissione UE finanzia Gladio?".

foto Cnr