Liti pendenti con il fisco: attivo il servizio per la “chiusura agevolata”.

Da ieri è aperto il canale telematico per l’invio delle domande di definizione agevolata delle liti pendenti in cui è parte l’Agenzia delle Entrate. Una novità che di fatto rappresenterà la modalità ordinaria di presentazione delle istanze per i contribuenti che intendono chiudere le controversie aperte con il Fisco, usufruendo della misura prevista dall’ultima legge di Bilancio (L. n. 197/2022, art. 1, commi da 186 a 202).

Ci sarà tempo fino al 30 giugno per chiudere le liti. In base alla legge di Bilancio 2023, i contribuenti potranno definire le controversie attribuite alla giurisdizione tributaria, in cui è parte l’Agenzia delle Entrate, pendenti al 1° gennaio 2023 in ogni stato e grado del giudizio, compreso quello in Cassazione e anche a seguito di rinvio.

LEGGI ANCHE:  Intesa CRS4 e 'La Sardegna verso l'Unesco' per i siti nuragici.

Le domande dovranno essere presentate all’Agenzia direttamente dal contribuente o tramite un soggetto incaricato entro
il prossimo 30 giugno attraverso la procedura web presente sul sito delle Entrate. Sarà necessario presentare una distinta domanda di definizione per ciascuna controversia tributaria autonoma, cioè relativa al singolo atto impugnato.

In cosa consiste la definizione agevolata? Si tratta di un istituto che offre ai contribuenti l’occasione di chiudere le vertenze fiscali attraverso il pagamento di determinati importi correlati al valore della controversia, ossia all’importo del tributo al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni. In caso di liti relative alla sola irrogazione di sanzioni, invece, il valore è
costituito dalla somma di queste ultime. Al valore della lite andrà applicata una percentuale variabile in funzione dello stato e del grado in cui pende la controversia.

LEGGI ANCHE:  “Rottamazione-quater”. Domande di adesione fino al 30 giugno 2023.

La definizione delle liti – ricordano dall’AdE – si perfeziona con la presentazione della domanda e con il versamento dell’importo netto dovuto, o della prima rata, entro il 30 giugno 2023. Se gli importi da versare non superano l’importo di mille euro non è però ammesso il pagamento rateale. Qualora non ci siano importi da versare, infine, la definizione
si perfeziona con la sola presentazione della domanda.

Foto di Steve Buissinne da Pixabay