L’ENAC eroga i primi 34 milioni di euro alle società di handling e di catering come anticipo del 50% dei ristori per danni da Covid-19. 670mila euro alla Sogaerdyn S.p.A.

L’ENAC prosegue nella sua azione di sostengo alla ripresa nel settore dell’aviazione civile. Dopo l’anticipo del 50% già erogato a favore dei gestori aeroportuali, sono in erogazione, per i prestatori dei servizi di assistenza a terra e le società di catering, le quote pari al 50% dei ristori per i danni prodotti dalla crisi sanitaria.

L’erogazione avviata dall’ENAC deriva dall’attuazione di quanto disposto dalla legge n. 178 del 2020 (legge di bilancio 2021) che ha previsto l’istituzione di un fondo dal valore totale di 800 milioni di euro, nello stato di previsione del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, per l’attribuzione di contributi in favore degli operatori aeroportuali per compensare i danni subiti a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

LEGGI ANCHE:  Compagnie aeree. Arrivano le sanzioni dell'ENAC

In coordinamento con il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili sarà distribuita una tranche di 34 milioni, come iniziale contributo post pandemia per le ingenti perdite derivate dal periodo di quasi assoluta inattività di molti operatori aeroportuali.

“Si tratta di un sostegno rilevante a un comparto che occupa migliaia di lavoratori – afferma il Presidente dell’ENAC, Pierluigi Di Palma – e che contribuisce in modo determinante alla qualità dei servizi aeroportuali. Sosteniamo con fiducia e impegno la ripartenza del settore, ed ENAC resterà in prima fila, come sempre, a fianco degli operatori del trasporto aereo”.

In particolare, nell’Isola di Sardegna, andranno 670.042 euro alla Sogaerdyn S.p.A e 96.181 euro alla GH Cagliari Srl.

LEGGI ANCHE:  Ryanair rimborsa i passeggeri impossibilitati a viaggiare a causa del Covid, ENAC: "Svolta di fondamentale rilievo".

Foto ENAC