Lefteris Christoforou: “Sostenere gli studenti europei”.

Per l’esponente del PPE, Lefteris Christoforou, nel programma di sostegno economico annunciato dall’UE, che vale circa 1400 miliardi di euro, mancherebbero le misure per il sostegno degli studenti europei. Una disattenzione imbarazzante, dato che il programma è stato ironicamente chiamato “Next Generation EU”, come evidenziato dall’eurodeputato cipriota.

Studenti universitari, foto Sardegnagol, riproduzione riservata
Studenti universitari, foto Sardegnagol, riproduzione riservata

“I nostri studenti rappresentano il migliore gruppo della nuova generazione europea, ma la crisi economica sta pesando pesantemente su questo segmento. Situazione ulteriormente aggravata dal ritiro del Regno Unito dall’UE, dall’abolizione dei prestiti agli studenti e dall’aumento delle tasse universitarie”.

Il firmatario dell’interrogazione ha poi proposto l’istituzione di un fondo europeo per gli studenti: “Credo che dovrebbe essere istituito un Fondo europeo di sostegno per gli studenti per facilitare l’accesso a prestiti studenteschi a lungo termine e a tasso zero: il rimborso del prestito dovrebbe poi iniziare dopo l’avvenuto ingresso nel mondo del lavoro”.

LEGGI ANCHE:  Istruzione: 384 milioni per le alleanze delle università europee

Sulla creazione di un fondo dedicato agli studenti europei è intervenuta oggi la Commissaria Mariya Gabriel per la quale “ai sensi dell’articolo 165 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, la competenza dell’Unione nel campo dell’istruzione è limitata al sostegno e all’integrazione delle azioni degli Stati membri, sviluppando la dimensione europea nell’istruzione e la mobilità degli studenti”.

“Oltre alle ben note borse di mobilità Erasmus+ che sostengono più di 300000 studenti ogni anno, l’attuale prestito Erasmus+ Master è lo strumento di garanzia a disposizione degli studenti interessati a frequentare un Master in una altro Paese del Programma Erasmus+. Come indicato nella valutazione intermedia del programma Erasmus+ e nella relazione speciale della Corte dei conti europea, l’utilizzo di questo strumento è rimasto piuttosto limitato. Pertanto, la Commissione e il Fondo europeo per gli investimenti hanno ritenuto più efficiente interrompere questa azione nell’ambito del futuro programma Erasmus e offrire un maggior numero di risorse alla voce “Investimento sociale e competenze” nel prossimo programma InvestEU”.

LEGGI ANCHE:  Covid-19, Commissione: via libera a due nuovi strumenti terapeutici.

foto Sardegnagol riproduzione riservata