La Sardegna riparte: inizia domani la nuova edizione dell’International Summer Week.

Inizia domani, lunedì 3 agosto, la 21° edizione dell’International Summer Week, il meeting internazionale di turismo giovanile e cooperativo, ideato e realizzato dall’associazione TDM 2000, che si svolge ogni anno in Sardegna nella prima metà del mese di agosto.

L’evento, nato a fine anni ’90 come meeting studentesco, è divenuto col tempo un appuntamento ricorrente del mondo associazionistico e del volontariato al quale prendono parte centinaia di delegati provenienti da ogni parte del mondo. Lo scopo è favorire l’incontro tra operatori del terzo settore e del mondo giovanile per condividere buone pratiche e sviluppare nuove proposti. Il tutto nell’incantevole cornice estiva dell’Isola.

L’edizione di quest’anno, incerta fino a poche settimane dall’inizio dell’evento, risente inevitabilmente dell’emergenza pandemica. Il  numero di contagi nell’Isola prossimi allo zero non autorizza alcuna rilassatezza e lassismo.

LEGGI ANCHE:  I giovani a Strasburgo per l’Evento Europeo della Gioventù, David Sassoli: “L’UE non è sistema congelato".

 A differenza di quanto capitava in passato non vi saranno feste o balli e si cercherà in ogni momento di rispettare il distanziamento sociale. Se il pericolo del virus da un lato comporta delle limitazioni di carattere logistico, dall’altro spinge promotori e partecipanti a una maggiore determinazione nel perseguimento degli obiettivi della manifestazione.

<<L’Italia e l’Europa si stanno rialzando solo ora da una condizione di profonda prostrazione – afferma Luca Frongia, presidente di TDM 2000 – Non sappiamo cosa riserverà l’autunno ma è indiscutibile l’esigenza di rimetterci in moto iniziando a lavorare in favore di coloro che più hanno pagato e stanno pagando il prezzo della crisi: i giovani>>.

LEGGI ANCHE:  PE, Garanzia Giovani: "Sfruttare appieno opportunità per i giovani".

Un proponimento che si traduce in un agenda fitta di appuntamenti ideata intorno alle parole d’ordine “costruire”, “progettare”, “condividere” declinate nei grandi temi dell’educazione non formale e dello youth working. I partecipanti quest’anno saranno 100 provenienti da 32 Paesi di Europa, Africa, Asia, Nord America e Sud America, in gran parte dirigenti o rappresentanti di associazioni.

I lavori prevedono workshop, seminari, simulazioni e visite di studio. Gran parte delle attività si svolgeranno a Cagliari con alcune visite nei territori dell’interno alla scoperta delle realtà locali, fra cui Mandas e Nurri. Non mancherà inoltre un momento dedicato alle bellezze naturalistiche, in particolar modo la spiaggia di Su Giudeu a Chia, nel Comune di Domus de Maria.

LEGGI ANCHE:  Alessandra Zedda: "Offrire ai giovani tutte le opportunità che l'Europa consente".

Le arrivo dei delegati è previsto per la giornata di oggi. Ad accoglierli lo staff della TDM 2000 composto da volontari del luogo e stranieri pronti a garantire una permanenza confortevole ai partecipanti. Le prime attività saranno dedicate alla conoscenza reciproca e alla costruzione del gruppo dopo di che ci si immergerà a capofitto nei lavori. <<L’emergenza pandemica non è ancora alle spalle ma è tempo guardare avanti>> ribadisce Frongia. Sardegnagol seguirà l’evento nelle vesti di media partner ufficiale del progetto.