La nuova offerta dell’Uniss: 61 corsi di laurea.

Sono 61 i corsi di studio per l’anno accademico 23-24 proposti nella nuova offerta formativa dell’Università degli Studi di Sassari: 36 ad accesso libero e 25 ad accesso programmato, di cui 34 triennali, 22 magistrali, 5 magistrali a ciclo unico.

6, ancora, saranno i corsi internazionali: Wildlife management, conservation and control e Innovation management for sustainable Tourism (con la Mother Teresa University di Skopje), Economia (con l’Università di Bordeaux), Architettura (con Lisbona e Alcalà de Henares) e Pianificazione, politiche per la città, l’ambiente e il paesaggio (con Barcellona, Girona e Lisbona).

“Abbiamo dedicato le nostre energie a ristrutturare i luoghi della didattica e della ricerca, i laboratori e le aule sia nei dipartimenti che in ateneo – ha dichiarato il rettore Gavino Mariotti -. Stiamo parlando di 7 milioni di euro solo per i laboratori, che diventano complessivamente 11 milioni considerando le varie tipologie di borse di studio, PA 110 e lode e tutta l’organizzazione didattica dell’Ateneo”.

LEGGI ANCHE:  Covid nell'Isola: nessun decesso nelle ultime 24 ore.

Anche quest’anno l’Ateneo ha deciso di attivare tutti i corsi di laurea abilitanti delle Professioni sanitarie, evitando le turnazioni annuali tra corsi.

Le iscrizioni per i corsi ad accesso libero e anni successivi al primo, immatricolazioni e iscrizioni saranno aperte dal 1° agosto al 16 ottobre.

Per i corsi ad accesso programmato nazionale, si sono appena chiusi i test TOLC MED e VET, per quanto riguarda il corso di Medicina e Chirurgia e Medicina Veterinaria. Il test delle Professioni sanitarie, invece, si svolgerà in tutta Italia in presenza il 14 settembre.

Per Scienze dell’architettura e del progetto, è indispensabile partecipare al Test Arched il 27 luglio ed eventualmente il 19 settembre, qualora ci fossero posti ancora disponibili.

LEGGI ANCHE:  Coronavirus. Donati mille dispositivi di protezione

Ai TOLC MED e VET, l’Università di Sassari ha avuto oltre 1257 candidati, su 9 aule informatiche distribuite su 6 plessi in sei giorni di test, mattino e pomeriggio, per complessive 113 ore di concorsi in tutto il periodo di luglio, registrando numeri in aumento rispetto ai test svolti ad aprile (1023). Tra le sessioni di aprile e quelle di luglio, complessivamente, i candidati sono stati quindi 2.280.

Per favorire la preparazione ai test, l’Università di Sassari ha organizzato anche quest’anno alcuni corsi gratuiti nell’ambito dell’iniziativa UnissTest Training Edition promossa dall’Ufficio orientamento: tra Sassari, Nuoro e Olbia hanno partecipato oltre 400 studenti e studentesse. Ad agosto avrà luogo l’ultimo corso di preparazione ai test di accesso ai cdl di professioni sanitari.

LEGGI ANCHE:  UE: Parlamento in campo per salvare la pesca a strascico.

Si conferma, inoltre, l’aumento delle immatricolazioni, pari a +2,53%, con 3795 studenti (anno accademico precedente: 3701). Per quel che riguarda gli iscritti, i dati attuali riportano 12654 iscritti: anche tenendo presente che i dati non sono definitivi (a causa della proroga concessa dal Ministero per il rinnovo delle iscrizioni di coloro che non riescono a laurearsi nella sessione straordinaria), risultano in diminuzione rispetto allo scorso anno, quando si erano registrati 13282. Ciò è dovuto al naturale trascinamento del calo importante delle nuove immatricolazioni registrato tra l’a.a. 20/21 e il 21/22 (con circa 700 matricole in meno), dovuto al “rimbalzo” post emergenza pandemica che ha registrato tutto il sistema universitario nazionale.