La Governatrice incontra la delegazione OCSE: “Indicate le priorità della Regione”.

La Presidente della Regione Autonoma della Sardegna ha incontrato a Cagliari una delegazione dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) nell’ambito del progetto “Ripensare l’attrattività regionale per una globalizzazione verde e inclusiva”.

Iniziativa progettuale mirata a fornire ai policy-maker un’approfondita consulenza politica su come favorire l’attrattività a livello internazionale e contribuire allo sviluppo sostenibile della propria Regione.

Il Centro Regionale di Programmazione della Regione Autonoma della Sardegna e l’OCSE, con il coordinamento dell’Assessore regionale alla Programmazione Giuseppe Meloni, hanno organizzato due giorni di incontri e tavole rotonde, il 10-11 giugno presso la sala eventi di Sa Manifattura, che hanno visto la partecipazione degli stakeholder legati all’attrattività di talenti (si spera diversamente da certe iniziative regionali estemporanee, onerose e di scarso impatto viste nel passato), investitori, visitatori ed è stata condotta un’analisi sulla governace multilivello.

LEGGI ANCHE:  Si è chiusa la prima assemblea di "Fantasia Politica".

La missione OCSE in Sardegna si è conclusa con l’incontro bilaterale con la Presidente che ha evidenziato le priorità per l’isola, quali le necessità di migliorare i servizi e le infrastrutture nelle aree interne, di diversificare e rafforzare l’economia regionale attraverso l’attrazione di investimenti nel settore IT e di accelerare l’innovazione con il supporto del sistema della ricerca e della formazione.

Queste indicazioni, e quelle emerse nei tre tavoli, saranno rispecchiate nello studio che verrà presentato dall’OCSE entro la fine dell’anno e reso disponibile per un confronto con i portatori di interesse per poi essere valorizzato a livello internazionale.

“Questa iniziativa – ha dichiarato nel’occasione la Presidente Alessandra Todde – rappresenta un’opportunità di confronto a livello internazionale per la Sardegna, in quanto selezionata insieme ad altre 10 regioni di 6 Paesi europei (Grecia, Italia, Lettonia, Polonia, Portogallo e Spagna) per partecipare a un progetto di qualità – finanziato dalla DG REGIO della Commissione Europea – che attraverso l’OCSE esplora le strategie regionali in tema di attrattività per comprendere meglio le sfide, le opportunità e le buone pratiche e utilizzare quanto appreso per migliorare la Sardegna e la sua competitività e visibilità sul mercato globale”.

LEGGI ANCHE:  Nautica, ecco l'avviso per la creazione delle 'Academy'.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata