Infermieri, 26 centesimi (lordi) di aumento per ogni ora di lavoro notturno. Nursing Up: “Per quale ragione un giovane infermiere dovrebbe rimanere nel nostro Paese?”.

Dove sono finite le promesse arrivate in pompa magna dall’Esecutivo Draghi in merito alla revisione del sistema indennitario degli operatori sanitari? E’ quanto si è domandato il sindacato Nursing Up dopo la proposta di aumentare di 26 centesimi (lordi) il compenso orario degli infermieri per il lavoro notturno.

“Siamo di fronte a un quadro a dir poco desolante – si legge nella nota di Nursing Up -: gli infermieri verrebbero ancora una volta penalizzati, a discapito di una valorizzazione che dovrebbe finalmente arrivare, ma che giorno dopo giorno ancora non si vede concretamente.

Una categoria che risulta fortemente offuscata leggendo le dichiarazioni del sindacato: “26 centesimi lordi di aumento di indennità per ogni ora di lavoro notturno! Meno di 1 euro in più sono i lauti compensi previsti per la pronta disponibilità degli operatori sanitari! Sono queste, caro Ministro Brunetta, le promesse che dovevano rappresentare, a suo dire, la svolta tanto attesa per la sanità italiana? E’davvero questa la valorizzazione che intendete riservare agli infermieri italiani e agli altri operatori sanitari? Con una Svizzera, che a due passi da noi, offre al suo personale sanitario stipendi da 2500 a 4000 mila euro, per quale ragione un giovane infermiere dovrebbe rimanere nel nostro Paese?”. 

LEGGI ANCHE:  Oristano: al via le selezioni per 19 posizioni al comune.

Foto di Kevin Hartung da Pixabay