Inaugurazione Viola Park: cacciato giornalista “sgradito”.

Il giornalista Francesco Matteini è stato cacciato, nel giorno della sua inaugurazione, dal Viola Park Rocco Commisso, mentre stava per assistere alla prima partita ufficiale nel nuovo impianto fra la Primavera della Fiorentina e del Milan.

“Sono arrivato davanti al Viola Park – si legge nella nota dell’Ordine Nazionale dell’ODG – e all’ingresso c’erano il direttore generale Joe Barone con il comandante della Polizia municipale di Bagno a Ripoli. Ho salutato entrambi, ma Barone non ha risposto. Poi, prima del controllo biglietti, sono stato affrontato dallo stesso Barone che, ad alta voce, ha ripetuto più volte “Lei non è gradito e non può entrare”. Questo è un posto privato ed entra solo chi vogliamo noi. Lo scriva: Barone non mi ha fatto entrare”. Ho chiesto perché. Risposta, ripetuta più volte: “Perché è un giornalista non gradito”.

LEGGI ANCHE:  Destinazione Irpinia per Luca Gagliano.

Successivamente lo stesso responsabile della comunicazione, Alessandro Ferrari, ha ribadito al giornalista “sgradito” che non poteva entrare poichè non era stato rilasciato l’accredito.

Pass stampa non necessario per Matteini, in possesso di un regolare biglietto comprato online. Da qui, continua il giornalista, “è tornato alla carica Barone che, di nuovo, mi ha detto di andarmene perché non ero gradito. Alla mia risposta che avevo pagato il biglietto – prosegue Matteini – ha estratto una mazzetta di banconote e mi ha infilato in tasca 50 euro. Io ho preso la banconota e gliel’ho ridata. Poi comunque sono stato accompagnato all’uscita”.

foto di succo da Pixabay.com

LEGGI ANCHE:  6 punti in due gare. Inizia bene il 2022 per il Cagliari di Mazzarri.