Il Presidente Mattarella convoca il Consiglio Supremo di Difesa.

Con una nota apparsa sul sito del Quirinale si apprende che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nelle suo ruolo di Capo delle Forze Armate, ha convocato per martedì 27 ottobre il Consiglio Supremo di Difesa. Il Consiglio, di rilevanza costituzionale, ha come scopo l’analisi di problemi e questioni legate alla sicurezza e alla difesa nazionale. Presieduto dal Presidente della Repubblica, ne fanno parte il Presidente del Consiglio dei ministri, i Ministri per gli affari esteri, dell’interno, dell’economia e delle finanze, della difesa e dello sviluppo economico e dal Capo di stato maggiore della difesa. Possono inoltre prendere parte alle riunioni i Capi di stato maggiore di Forza armata, il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri ed esperti in questioni militari.

LEGGI ANCHE:  Approvvigionamento di gas: le scelte strategiche "cannate" dal Governo del Bel Paese.

L’ordine del giorno del Consiglio Supremo di Difesa prevede l’analisi delle conseguenze dell’emergenza sanitaria sugli equilibri strategici e di sicurezza globali, con particolare riferimento alla NATO e all’Unione Europea; aggiornamento sulle principali aree di instabilità e punto di situazione sul terrorismo transnazionale; prospettive di impiego delle Forze Armate nei diversi teatri operativi.

Nell’incontro al vertice verrà discusso il bilancio della Difesa e lo stato dei programmi di investimento in relazione alla fluidità del contesto di riferimento e agli obiettivi capacitivi di lungo periodo.

La convocazione del Consiglio Supremo di Difesa, come detto, rientra tra le prerogativa del Presidente del Consiglio. La riunione del 27, tuttavia, cade in una fase di importanti tensioni sociali e politiche causate dall’emergenza pandemica e dalle richieste, provenienti da più parti, di un impiego delle Forze Armate nei controlli sul rispetto delle norme anti Covid-19.

LEGGI ANCHE:  Enti e case di riposo, Solinas: "Iniziata distribuzione di 2 milioni di mascherine"

Foto Presidenza della Repubblica