I giovani democratici alla Meloni: “Non stupisce povertà delle soluzioni offerte”.

Dopo l’infelice uscita della leader di Fratelli d’Italia sulle devianze, le dichiarazioni della ‘futura premier’ (stando a quanto concordato trai partiti di centrodestra), sono state stigmatizzate dai giovani democratici sardi. “Meloni, definendo come devianti le persone, crea un ulteriore senso di inadeguatezza. Avanzare una pretesa di normalizzazione a chi affronta ostacoli quali dipendenze e altri fenomeni di vario tipo può essere deleterio, perché si corre il rischio di marcare ulteriormente una presunta distanza. Inoltre, descrivere attraverso una medesima categoria temi assai diversi fra
loro dimostra quanto a fondo il tema sia stato studiato”.

“La povertà delle soluzioni offerte, dunque, non deve stupire: se di fronte a un tema mastodontico come, ad esempio, l’alcolismo la soluzione è quella dello sport, l’On. Meloni e il suo partito potevano anche evitare di toccare queste tematiche. Tentare di reinquadrare gli individui in schemi che spesso hanno causato proprio quel
disagio – proseguono i giovani democratici – è esattamente l’opposto di ciò che andrebbe fatto”.

LEGGI ANCHE:  Giorgia Meloni verso la Presidenza del Consiglio: "Abbiamo scritto la storia".

“Per poter intervenire a favore di un individuo con le sue specificità, non si può ricorrere a schemi precostituiti. Occorre ascoltarlo”.