I Carmina Burana chiudono classicalparco2021.

Venerdì 13 e sabato 14 agosto alle 21 si conclude, con i Carmina Burana di Orff, classicalparco 2021, l’attività musicale estiva del Teatro Lirico di Cagliari.

L’ndiscusso capolavoro di Carl Orff sarà diretto da Julian Rachlin, eccellente artista lituano, già acclamato a Cagliari come virtuoso del violino per ben 4 volte e oggi al suo debutto sul podio, che, alla guida di Orchestra e Coro del Teatro Lirico e del Coro di voci bianche del Conservatorio Statale di Musica “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari, propone la celeberrima cantata scenica, composta tra il 1935 e il 1936 ed eseguita, per la prima volta, l’8 giugno 1937 all’Opera di Francoforte, basata su 24 poemi medievali, ad opera di goliardi e clerici vagantes rimasti anonimi.

LEGGI ANCHE:  Turismo, Mibact: Sostenere imprese e lavoratori del settore

I tre solisti d’eccezione saranno, invece, Daniela Cappiello (soprano), Matteo Desole (tenore) e Roberto de Candia (baritono), mentre i maestri del coro e delle voci bianche saranno, rispettivamente, Giovanni Andreoli ed Enrico Di Maira.

L’ultima edizione a Cagliari dei Carmina Burana risale al 18-19 gennaio 2008 (Stagione concertistica 2007-2008), quando l’Orchestra, il Coro e il Coro di voci bianche del Teatro Lirico, diretti da Marko Letonja, si esibirono nella medesima versione di quest’estate. I solisti erano Katarzyna Dondalska (soprano), Matthias Rexroth (tenore) e Brian Davis (baritono). Il maestro del coro era Fulvio Fogliazza, mentre il maestro del coro di voci bianche era Enrico Di Maira.

LEGGI ANCHE:  Stagione concertistica 2023: ecco il ricco cartellone del Teatro Lirico di Cagliari.

Nella penultima edizione a Cagliari, invece, il 17 luglio 1998, per la Stagione estiva all’Anfiteatro Romano, il Coro e i Solisti dell’Orchestra dell’Istituzione, diretti da Keri-Lynn Wilson, si esibirono nella versione per soli, coro, due pianoforti e percussioni. I solisti erano Valeria Esposito (soprano), Simon Roberts(tenore) e José Fardilha (baritono), mentre ai pianoforti c’erano Stefano Figliola e Francesco Porcella. Il maestro del coro era l’indimenticato Paolo Vero.