Giunta: “I comuni potranno utilizzare risorse giacenti per interventi strategici”.

Una misura straordinaria prevista dalla Giunta regionale e stata attivata dall’Assessorato del Bilancio in favore degli Enti locali per l’utilizzo in progetti di sviluppo di quelle risorse giacenti nei bilanci dei Comuni (come quelle derivanti dai ribassi d’asta), che in alternativa sarebbero dovute essere restituite. I Comuni, così, potranno utilizzare le risorse sussistenti nei loro bilanci (riferite a finanziamenti su programmi cofinanziati da risorse dell’Unione europea e nazionali) per realizzare interventi ritenuti strategici.

Gli Enti locali potranno impiegare eventuali economie dei cicli di programmazione europea in un’ottica di programmazione unitaria. “La Sardegna – ricorda Christian Solinas – ha la possibilità di combattere con forza e decisione mali atavici come lo spopolamento dei territori e l’isolamento, cui sono strettamente legati fenomeni sempre più allarmanti come l’esodo giovanile e la progressiva perdita di attrattività dei territori, specialmente delle aree considerate marginali e dei piccoli Comuni”.

LEGGI ANCHE:  Migranti dal Nord Africa, Fausto Piga: "Basta con la demagogia del razzismo. Il Governo non lasci sola la Sardegna".

Il Centro Regionale di Programmazione, ha ricordato Giuseppe Fasolino, ha attivato la procedura per la ricezione delle domande per l’utilizzo delle risorse sussistenti nei loro bilanci trasferite in attuazione di programmi cofinanziati dall’Unione europea, relativi a tutti i cicli di programmazione chiusi fino al periodo 2007/2013 compreso.

Gli interventi proposti dovranno però essere coerenti con la programmazione unitaria regionale e in particolare riguardare investimenti materiali e immateriali di completamento, in continuità, o che rispettino le finalità del finanziamento originario; interventi coerenti con la strategia della programmazione territoriale regionale in atto nel territorio; interventi di contrasto agli effetti derivanti dalla pandemia, opportunamente motivati.

Le manifestazioni di interesse dovranno essere presentate fino alle ore 14:00 del 15 marzo, utilizzando il sistema informatico SIPES della Regione Autonoma della Sardegna.

LEGGI ANCHE:  Diabete. 4 milioni per i dispositivi flash.

foto Sardegnagol riproduzione riservata