Giornata contro la violenza sulle donne, a Sassari una mattinata di riflessione e informazione.

I molteplici aspetti della violenza di genere, la paura di denunciare, di non essere credute, di “esagerare”. Di questo e di molto altro si discuterà a Sassari nel corso del Consiglio comunale, riunito in seduta solenne in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, giovedì 25 novembre, a partire dalle 10.30.

Il programma, fanno sapere dal Comune, prevede gli interventi di persone coinvolte in prima linea contro la violenza di genere e, al centro della sala Consiglio, sarà posizionata una sedia rossa, che rappresenta tutte le vittime di femminicidio.

Gli interventi saranno strutturati per portare gli ascoltatori dentro il problema, a partire dalla relazione di Lorena Piras, operatrice nel centro di ascolto del Nord Sardegna- per uomini maltrattanti (Cam) e ricercatrice nell’archivio di Stato di Sassari. Sarà poi la volta di Alessandra Nivoli che ricorderà l’appuntamento del 26 novembre con il servizio ambulatoriale nell’ex ospedale san Camillo a disposizione dalle 9 alle 13 per le donne che vivono una situazione drammatica e soffrono di una violenza psicologica, fisica, economica e di tutte le forme di violenza domestica. Giovanna Cottu, invece, attraverso la presentazione di un caso, ripercorrerà come si caratterizza la dinamica violenta e come si articola un percorso di affrancamento da una relazione violenta: un viaggio lungo e difficile con battute d’arresto e riprese fino al sentirsi nuovamente protagoniste della propria vita.

LEGGI ANCHE:  Sassari, prorogata la mostra “Masticabrodo, PapèSatan e… abbozza!”.

Saranno presenti anche Angela Gandin e Caterina Cirotto, organizzatrici di una raccolta fondi a favore del Progetto Aurora, nonché promotrici dell’iniziativa Viva Vittoria Sassari, progetto che dal 2019 coinvolge migliaia di persone a Sassari e in tutta la Sardegna, realizzando 8000 quadrati in maglia con i quali sono state create circa 2000 coperte per la manifestazione di raccolta fondi a sostegno delle donne vittime di violenza. L’evento finale del progetto, rinviato più volte nel 2020 a causa della pandemia, si è svolto il 26 settembre e 9 ottobre, con l’esposizione delle coperte in piazza d’ Italia, trasformata in un gigantesco mosaico di solidarietà. Sono state distribuite oltre 1330 coperte e raccolti 16.404,70 euro, interamente devoluti al Comune di Sassari per il Progetto Aurora.

LEGGI ANCHE:  7 borse per il programma BEST.