Giorgia Meloni vittima del deepfake: denunciati due sassaresi.

La Polizia Postale ha eseguito, su delega della Procura della Repubblica di Sassari, un decreto di perquisizione personale, locale e informatica nei confronti di due soggetti, di anni 70 e 37, residenti nel Comune del Sassari, responsabili del reato di diffamazione per aver pubblicato online video ed immagini dal contenuto gravemente diffamatorio, attraverso la tecnica del c.d. deepfake, in danno alla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

La perquisizione è stata eseguita dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni di Sassari, all’esito delle attività investigative avviate dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma in seguito alla denuncia presentata dalla parlamentare nel giugno dello scorso anno, in relazione alla pubblicazione, su un noto sito erotico statunitense, di video e foto artefatti nei quali viene mostrato il volto di Giorgia Meloni.

LEGGI ANCHE:  Ordine dei Giornalisti. Incontro sulla libertà d'espressione.

All’identificazione degli indagati si è giunti anche attraverso un’intensa attività internazionale di polizia giudiziaria che ha permesso di individuare l’utente del sito americano che ha caricato i video incriminati. Uno di essi, il più giovane, è risultato essere un grafico informatico.

I nomi degli indagati risultano anche coinvolti in un’altra attività di indagine svolta dal personale della Polizia Postale di Sassari che li vede responsabili di diffamazione e minaccia a mezzo social network ai danni di un titolare di un locale di ristorazione del capoluogo turritano, nonché di diffamazione nei confronti del Quotidiano “La Nuova Sardegna”, nella persona del Direttore pro- tempore.