Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Garanzia Giovani, ASPAL: domande entro il 9 dicembre. - Sardegnagol

Garanzia Giovani, ASPAL: domande entro il 9 dicembre.

Un contributo fino a duemila euro per frequentare i corsi organizzati dalle Fondazioni ITS, ovvero corsi post diploma ad alta specializzazione tecnologica volute del Ministero della Pubblica Istruzione per rispondere alla domanda di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche da parte delle imprese.  Attraverso il Programma Garanzia Giovani Asse 1 bis i ragazzi/e interessati ad uno dei percorsi formativi ITS potranno ricevere un aiuto economico per coprire le spese di iscrizione. Gli interessati, fanno sapere dall’ASPAL, devono prima rivolgersi al  proprio Centro per l’impiego inviando una mail entro il 9 dicembre e firmare il patto di attivazione del programma Garanzia Giovani.  

Proprio nei giorni scorsi, la Regione ha approvato l’avviso pubblico per la partecipazione al programma Garanzia Giovani Asse 1 bis per incentivare l’accesso ai corsi ITS, con l’obiettivo di innalzare il livello di competenze specialistiche dei giovani sardi/e non occupati/e. 

LEGGI ANCHE:  Erasmus, David McAllister (PPE): "Programma ancora poco accessibile per i giovani".

Si possono iscrivere ai percorsi formativi i giovani di età compresa tra 18 e 35 anni in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore e i giovani che hanno frequentato un percorso quadriennale di istruzione e formazione tecnica professionale (IeFP) integrato da un percorso istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS) della durata di un anno. 

“Il nuovo avviso di Garanzia Giovani è proprio dedicato alla fascia di ragazzi fino ai 35 anni che in questo modo possono ricevere un aiuto concreto per acquisire competenze tecniche e tecnologiche sempre più richieste dal mercato del lavoro” ha detto il Commissario dell’Aspal Aldo Cadau. I nostri Centri per l’impiego presenti in tutta la Sardegna – ha aggiunto – sono a disposizione di chi non vuole perdere questa occasione”.

LEGGI ANCHE:  Dal 2022 addio obbligo etichettatura, Coldiretti: "Addio pasta 100% italiana".