Euregio: il 90% dei giovani under17 è ottimista sul proprio futuro.

I giovani altoatesini e trentini under17 sono positivi per il proprio futuro. A ricordarlo uno studio dell’Euregio sulla “Realtà di vita dei giovani”, condotto su circa 6.300 ragazzi/e delle tre province del Tirolo, dell’Alto Adige e del Trentino.

Ai giovani, in particolare, è stato chiesto di descrivere i propri atteggiamenti individuali e le proprie opinioni su sette argomenti centrali di rilevanza sociale. Oltre alla scuola, alle attività del tempo libero o allo sport, i giovani hanno espresso quali fossero i loro valori, le loro prospettive future o le credenze religiose.

Quasi la metà dei giovani dell’Euregio sono molto o abbastanza soddisfatti della situazione della democrazia nel loro paese. Un luogo importante per l’educazione alla democrazia è la scuola. Tra i giovani intervistati, c’è un alto grado di volontà di partecipazione politica nel contesto scolastico. La scuola è chiaramente percepita come un luogo dove si applicano e si insegnano i valori democratici. Le opportunità reali di partecipazione mostrano un divario rispetto alle opportunità desiderate. Questo potenziale potrebbe essere valorizzato ancora di più in futuro.

LEGGI ANCHE:  Quartu Sant’Elena. Evade dagli arresti domiciliari e ruba una motocicletta. Arrestato un 39enne.

La maggioranza dei giovani è aperta ad altre culture. Nel loro ambiente sociale quotidiano, ovvero la scuola, i giovani intervistati sostengono di trovarsi bene: l’80% dice di avere buoni amici a scuola e solo il 7% sente di non essere integrato durante le ricreazioni: “Ciò che colpisce – ricordano gli autori dello studio Nikolaus Janovsky della Kirchliche Pädagogische Hochschule Edith Stein (KPH) e Paul Resinger della Pädagogische Hochschule Tirol – è l’apertura nelle questioni sociali. Secondo la loro stessa valutazione, i giovani non hanno quasi nessuna paura del contatto con le persone con disabilità e l’85% tende ad essere d’accordo con l’affermazione che tutti possono beneficiare dalla coesistenza di persone di culture diverse”.
Il 38% dei giovani ha detto di pensare spesso o frequentemente al senso della vita, mentre il 30% dice di credere in Dio.

LEGGI ANCHE:  Istituzioni europee, David Sassoli: "Non dividere gli europeisti. L'Europa appartiene ai giovani".

I giovani godono di buona salute. Per quanto riguarda la percezione generale della salute dei ragazzi dai 14 ai 16 anni intervistati nello studio, la situazione è prevalentemente positiva. Quasi un terzo degli intervistati ha descritto il proprio stato di salute come eccellente. Ogni giorno, i ragazzi dai 14 ai 16 anni hanno dalle tre alle sei ore di tempo libero. Più dell’80% dei giovani passa spesso queste ore su internet, dove le reti sociali e quindi il contatto con gli amici giocano un ruolo importante. Solo circa un quarto dei giovani, invece, è spesso coinvolto in un club o dichiara di partecipare a progetti nel tempo libero.

LEGGI ANCHE:  La Sardinian summer school di ACLI e IPSIA Sardegna.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata