Esce oggi ‘Piazza Grande’ l’omaggio di Pierdavide Carone a Lucio Dalla.

A cinquant’anni dalla sua pubblicazione, esce oggi “Piazza Grande” (distribuzione ADA Music Italy), ovvero la personale reinterpretazione del celebre brano di Lucio Dalla firmata da Pierdavide Carone.

“Piazza Grande”, scritta e composta da Lucio Dalla, Gianfranco Baldazzi, Sergio Bardotti e Ron, fu presentata al Festival di Sanremo nel 1972, dove si classificò all’8° posto ed è uno dei brani più significativi della produzione musicale del cantautore bolognese, oltre che una tra le canzoni che hanno segnato la storia della musica italiana.

A cinquant’anni dalla sua pubblicazione, Pierdavide Carone vuole ricordare con il suo personale omaggio questa ricorrenza, che cade anche a dieci anni dall’ultima partecipazione al Festival di Sanremo di Lucio Dalla, poche settimane prima della sua scomparsa. Nel 2012, infatti, Lucio Dalla tornò sul palco del Festival a quarant’anni dall’ultima partecipazione, accompagnando Pierdavide Carone con il brano “Nanì”, del quale fu anche coautore. Dalla in questa occasione ricoprì la duplice veste di cantante e di direttore d’orchestra.

LEGGI ANCHE:  Le prime immagini della ricostruzione dell'abito nuziale di Grazia Deledda.

“Ho scelto Piazza Grande perché, oltre ad essere uno dei manifesti più importanti della carriera di Lucio, festeggia un compleanno importante, i cinquant’anni dalla sua presentazione al Festival di Sanremo, dove si classificò ottava, e dalla conseguente pubblicazione su 45 giri, ricorrenza resa più speciale per me dal fatto che lui non tornerà più in gara al festival per i successivi quarant’anni quando, insieme al sottoscritto, parteciperà con “Nanì”, il regalo più grande che un genio come lui potesse fare a un giovane come me – racconta Pierdavide Carone – Quindi diciamo a Lucio lo dovevo, ma non lo sento affatto come un obbligo, vista la bellezza della canzone e quanto in generale mi piaccia cantare le sue canzoni… spero che anche a voi piacerà ascoltare questo mio regalo di compleanno a una splendida cinquantenne”.

LEGGI ANCHE:  La Sardegna 'energetica' di Leyla Manunza.