Energia, ACLI Sardegna: “Attivare articolo 4 dello Statuto contro incursioni dei grandi poteri”.

Bisogna avviare un dibattito pubblico sull’energia in Sardegna. Ne è convinto Franco Marras, presidente delle ACLI della Sardegna, per il quale bisogna contrastare l’ingerenza di attori esterni sulle scelte strategiche dell’Isola in ambito energetico: “Quando si parla delle grandi questioni come il clima o l’energia occorre fare attenzione a non mettere tutto sullo stesso piano: tra le dichiarazioni di un ministro (tecnico) e quella del presidente di un’azienda come Enel che è quotata in borsa e deve fare utili, gli interessi manifesti sono assolutamente differenti”.

Per il presidente delle ACLI le scelte legate alla transizione energetica non possono pregiudicare lo sviluppo industriale della Regione Sardegna: “Non convince l’idea di un’isola che possa essere supportata solo da energie rinnovabili nei prossimi 30 anni, perché vorrebbe dire rinunciare da subito ad una prospettiva industriale e accontentarsi di essere solo come un’isola caraibica che vive di turismo e folklore. In tutto il mondo si continua a sviluppare l’attività basata sul gas – il Tap in Puglia o la funzione dell’ENI in Egitto – e la Sardegna invece fa la mosca cocchiera del Green duro”.

LEGGI ANCHE:  Rintracciato in piazza del Carmine, viola ripetutamente divieto di dimora. In carcere 21enne.

Poco convincente per il rappresentante delle ACLI in Sardegna anche il cavo di Terna, che prevede “un investimento di 5 miliardi che non serve alla Sardegna per i suoi consumi e le sue produzioni”.

“Forse nel 2050 sarà possibile essere del tutto green quando le tecnologie lo permetteranno davvero ma nel frattempo – ricorda Marras – non si può scegliere di rinunciare ad una generazione intera di sardi che fanno i poveri o vanno via perché rimettiamo in discussione scelte del piano energetico regionale e nazionale con una intervista del capo dell’Enel. Le scelte presenti in quel piano, è giusto ribadirlo per chi lo avesse dimenticato, prevedono che i sardi possano finalmente essere dotati del metano ad un prezzo come quello di tutti gli italiani. Ma c’è di più: quella rete del metano è previsto che diventi parte integrante della rete europea, una struttura adeguata ad ospitare la conversione verso l’idrogeno che è più convincente come energia green, stabile e come accumulo, senza che i Paesi del Sud America o dell’Africa vengano sventrati per i metalli preziosi delle batterie. Tutto questo non lo dico solo io, lo dice proprio il piano europeo per lo sviluppo”.

LEGGI ANCHE:  Un decesso e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore.

“Sull’energia – conclude Marras – vogliamo ricordare che l’articolo 4 dello Statuto, visto in anticipo dai nostri padri costituenti dice che sull’energia la Sardegna ha voce possente e non secondaria e se si vuole, quello Statuto lo si può far valere”.