Emergenza ucraina: non si ferma la solidarietà del popolo italiano.

Un campo di accoglienza in grado di ospitare 500 persone, messo a disposizione dalle Province Autonome di Trento e di Bolzano, è partito all’alba di oggi per Chisinau, in Moldavia. Il campo è composto da 84 tende complete di illuminazione, riscaldamento, letti, servizi e una cucina da campo, e sarà consegnato alle autorità locali dai volontari e dal personale tecnico delle colonne mobili delle due province autonome. A seguito del convoglio anche un funzionario del Dipartimento Nazionale della Protezione, per il coordinamento e il raccordo delle attività sul posto con il Meccanismo europeo di protezione civile.

Inoltre, per far fronte al supporto sanitario richiesto dall’Ucraina al Meccanismo Europeo di Protezione Civile, il Dipartimento ha disposto l’invio di un ulteriore carico di medicinali e apparecchi elettromedicali donato dalle Regioni Lombardia, Piemonte e Umbria, che partirà in giornata da Palmanova destinato all’hub europeo di Suceava in Romania.

LEGGI ANCHE:  9 decessi e 2877 nuovi positivi nelle ultime 24 ore.

Dall’inizio dell’emergenza il Dipartimento sta garantendo l’invio di aiuti umanitari sulla base delle richieste giunte al Meccanismo Europeo di Protezione Civile dall’Ucraina. Il Dipartimento coordina sia la ricognizione delle risorse nella disponibilità di Regioni, Province Autonome, Enti Locali e Strutture Operative sia le operazioni di invio.