Diplomazia culturale, il Ministero restituisce 30 reperti al Messico.

Tre statuette in terracotta appartenenti alle culture Maya dello Stato di Campeche (VI-X secolo d.C) e a quella di Remojadas dello Stato di Veracruz (III-VII secolo d.C); due statuette di figure antropomorfe in argilla modellata risalenti alla cultura Teotihuacana dell’altopiano centrale del Messico (III-VII secolo d.C) e a quella delle valli centrali di Oaxaca (XI-XVI sec. d.C.); diciassette reperti archeologici appartenenti alle culture Totonaca, Michoacán, Coyotlatelco, Zapoteca, Mixteca, Maya o afferenti al periodo preclassico, classico e postclassico mesoamericano; sei figurine antropomorfe in terracotta, argilla e pietra di piccole dimensioni, una collana in roccia e un vaso in argilla con decorazioni.

Questi i trenta reperti archeologici sequestrati dai Nuclei del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale in diverse regioni del nostro Paese, riconosciuti e autenticati dai funzionari del Museo delle Civiltà di Roma e dall’Instituto Nacional de Antropologia e Historia del Messico e restituiti oggi agli Stati Uniti Messicani nel corso di una cerimonia alla quale hanno partecipato il Generale Teo Luzi, Comandate Generale dell’Arma dei Carabinieri; il Generale Roberto Riccardi, Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale; Carlos García de Alba, Ambasciatore del Messico in Italia e Andrea De Pasquale, Direttore dell’Archivio Centrale dello Stato Italiano.

LEGGI ANCHE:  Ministero della Cultura: pubblicato il concorso per nuovi dirigenti.

Verranno restituiti, invece, dal Messico all’Italia, i 1.271 documenti che costituiscono l’archivio personale dello scultore italiano Ettore Ferrari, autore, tra le altre cose, della statua di Giordano Bruno a Campo dei Fiori a Roma. 

“Un gesto concreto di diplomazia culturale – ha dichiarato il Ministro della Cultura, Dario Franceschini – che conferma l’impegno dell’Italia nel contrasto al traffico illecito di beni culturali e nella restituzione ai Paesi di provenienza del patrimonio culturale di loro appartenenza”.