Derby di bassa classifica, Mazzarri: “In campo senza paura nè troppi calcoli”. Salernitana senza Ribery.

Una sfida nella sfida verrebbe da dire guardando al prossimo appuntamento di campionato dei rossoblù di Mazzarri contro la Salernitana. Uno scontro diretto che, nonostante il periodo autunnale, odora già di sfida salvezza. “Non dobbiamo sottovalutarli – ha dichiarato in conferenza stampa il tecnico livornese -. Se riusciamo a fare quel che sappiamo, abbiamo buone possibilità di far nostra la partita, altrimenti potremmo soffrire”.

“Voglio vedere una squadra aggressiva, combattiva e coraggiosa, pronta a reagire nel caso in cui qualcosa non dovesse andare bene. Dovremo commettere meno errori, stare più attenti e restare ancora più concentrati per concedere agli avversari il meno possibile”, ha proseguito Walter Mazzarri. “Andremo in campo cercando di fare quel che si è preparato durante la settimana, senza paura né troppi calcoli”.

LEGGI ANCHE:  Dinamo. Il punto di vista del preparatore Matteo Boccolini.

Ieri, nel gruppo, anche Damir Ceter, mentre hanno continuato con il lavoro personalizzato sia Godìn che Pavoletti (affaticamento muscolare alla coscia destra). Sulla probabile formazione di stasera probabile dal primo minuto la coppia Keita-Joao Pedro in avanti, mentre a centrocampo cerca spazio Strootman. Sulla sinistra, invece, potrebbe trovare spazio il recuperato Dalbert. In difesa, oltre Bellanova e Lykogiannis, coppia centrale formata da Ceppitelli e Carboni.

In casa granata rogne per Ribery, non convocato per la trasferta in Sardegna a causa di un fastidio al ginocchio sinistro. Out anche a Schiavone e Kastanos per noie muscolari, oltre i noti Strandberg, Mamadou Coulibaly e Ruggeri. Il tecnico Stefano Colantuomo potrebbe optare per il 4-4-2 con il tandem offensivo Bonazzoli-Djuric: quest’ultimo in vantaggio sul compagno Simy. In mezzo al campo Coulibaly, Di Tacchio e Lassana e sulle fasce possibile spazio per Kechrida e Zortea. Reparto difensivo formato da Gagliolo, Veseli, Ranieri e Gyomber. “Domani – ha ricordato Colantuomo – mi aspetto una gara molto difficile contro una squadra costruita per fare un certo tipo di campionato e che si ritrova in una posizione di classifica che non le compete. Dobbiamo pensare che da qui in avanti saranno tutte finali”.

LEGGI ANCHE:  Arriva il Venezia, Liverani: "Serve voglia di attaccare la porta".

foto Cagliari Calcio