Dalle sedi disagiate all’aumento dei massimali: le azioni dell’Asl di Oristano.

Individuazione delle sedi disagiate e disagiatissime, aumento del numero massimo di assistiti da 1500 a 1800 pazienti, ricorso ai medici di Guardia medica con retribuzione aggiornata, collaborazioni libero-professionali dei colleghi in pensione. Sono queste le principali misure straordinarie individuate dal Comitato consultivo della Asl 5, organismo composto dai rappresentanti dell’azienda socio-sanitaria e sindacati medici.

“Si è trattato di una riunione proficua e costruttiva – commenta il Direttore generale della Asl 5 Angelo Serusi – nella quale l’azienda socio-sanitaria oristanese e i sindacati medici, ai quali va riconosciuto un grande senso di responsabilità, hanno ritrovato un’unità di intenti. Nell’incontro – concorda il direttore sanitario Antonio
Maria Pinna – sono state condivise da Asl e sindacati tutte le possibili soluzioni per rispondere, con gli strumenti di cui disponiamo, alle esigenze di salute delle comunità”.

L’organismo ha approvato all’unanimità l’elenco dei circa 50 Comuni della provincia di Oristano che, ad una prima stima, rispondono ai criteri individuati dalla Regione Sardegna per ottenere il riconoscimento di sede disagiata e disagiatissima, un provvedimento finalizzato a favorire la scelta, da parte dei medici di famiglia, degli ambiti più sfavoriti dal punto di vista geografico grazie ad incentivi economici parametrati sul numero degli assistiti. La proposta del Comitato passerà ora al vaglio del Comitato regionale.

LEGGI ANCHE:  Oristano, sei pazienti positivi al Covid al Pronto Soccorso.

“Con l’approvazione dell’elenco delle sedi disagiate e disagiatissime abbiamo tagliato senza indugiare un importante traguardo – sottolinea Baccoli – vogliamo cogliere l’opportunità di questo ulteriore strumento messo a disposizione dalla Regione per rendere più appetibili le sedi carenti ed attrarre i professionisti nei territori più svantaggiati”.

Una seconda misura, anche questa licenziata con il voto favorevole di tutti i componenti del Comitato, riguarda l’incremento del tetto massimo di assistiti che ciascun medico di famiglia può prendere in carico, che passerà da 1500 a 1800 unità in tutti gli ambiti della provincia di Oristano. Questa disposizione, di carattere temporaneo e sulla base dell’adesione volontaria dei medici, già adottata in alcuni territori, sarà ora estesa a tutta la provincia e e verrà mantenuta finché la sede
vacante non venga occupata da un nuovo medico titolare, con l’obiettivo di garantire l’assistenza sanitaria di base a quei pazienti che ne sono rimasti privi a seguito del pensionamento o del trasferimento del proprio medico di famiglia.

LEGGI ANCHE:  Ospedale San Martino: ripartono i ricoveri ordinari in Medicina.

Dall’incontro del Comitato è emersa poi la proposta di impiegare i medici di Guarda medica in turni diurni per la prescrizione di farmaci e di visite specialistiche, certificazioni, visite domiciliari, laddove tutti i medici di famiglia dell’ambito abbiano già raggiunto il numero massimo di pazienti assistibili e i bandi per la sostituzione dei professionisti assenti siano andati deserti. Anche in questo caso per favorire una più ampia disponibilità dei medici di guardia medica, la cui adesione è su base volontaria, la proposta del Comitato è quella di utilizzare la leva economica, parificando il compenso orario per i turni di guardia medica diurna a quello riconosciuto ai medici Usca: su questo aspetto la parola passerà ora al Servizio di Medicina Convenzionata Ares.

LEGGI ANCHE:  Sport dilettantistico: stanziati 4,5 milioni nell'Isola.

Avanzate dal Comitato, da vagliare con gli organi regionali competenti, due altre proposte: ricorrere ai medici in pensione, che potrebbero essere richiamati in servizio con un contratto libero-professionale nel caso in cui se ne verificasse l’esigenza; quando un bando per sostituzione di un medico di assistenza primaria vada deserto, che l’assistenza sia assicurata volontariamente dagli altri medici dell’ambito con il compenso previsto per le visite occasionali.