Covid-19: sulla piattaforma ICoGen 84 sequenze della variante Omicron.

Sono salite a 84 le sequenze della variante Omicron analizzate e depositate nella piattaforma per la sorveglianza genomica delle infezioni ICoGen, che riceve le segnalazioni della rete di oltre 70 laboratori regionali coordinata dall’Iss. Il dato sarebbe in forte crescita rispetto alle 55 rilevate ieri mattina.

La maggior parte delle segnalazioni (aggiornate alle ore 9 del 18 dicembre) è arrivata dalla Lombardia (33) e Campania (20, di cui 7 legate al ‘caso indice’ di fine novembre), mentre in generale la variante è segnalata in 13 regioni (Lazio 8, Puglia 7, Veneto 5, Piemonte e Emilia Romagna 2, Abruzzo, Calabria, Liguria, Sardegna, Sicilia, Toscana 1) e 1 nella Provincia Autonoma di Bolzano.

LEGGI ANCHE:  Giovani in sovrappeso: ecco il progetto "ColtiviAmo BenEssere" di Modavi.

“La presenza della Omicron era largamente attesa, in linea con quanto osservato anche negli altri Paesi, ed è probabile un aumento dei casi nei prossimi giorni – spiega Silvio Brusaferro, presidente dell’Iss -. La crescita del numero dei casi depositati testimonia l’efficienza della rete di monitoraggio, e dei sistemi messi in campo per seguire l’evoluzione della variante. Restano fondamentali le raccomandazioni date finora, di iniziare o completare il ciclo vaccinale anche con la terza dose, di usare la mascherina quando indicato e di seguire le misure individuali e collettive per ridurre al minimo la diffusione del virus”.

L’analisi delle varianti, spiegano dall’Iss, viene effettuata in collaborazione con oltre 70 laboratori delle singole regioni/PA, che rispondono a precisi standard qualitativi sotto il coordinamento dell’Iss. Dal 29 aprile 2021 è attiva la piattaforma per la sorveglianza genomica delle varianti di SARS-CoV-2 (I-Co- Gen) che consente di raccogliere e analizzare le sequenze identificate sul territorio nazionale e dialogare con le piattaforme internazionali. La piattaforma consente di emanare degli ‘alert’, indicando sequenze di particolare interesse. I dati di sequenziamento sono riportati anche nel “sistema di sorveglianza integrata’ che, nell’ambito di tutti i casi confermati raccoglie, se disponibile, anche il nome della variante of concern (VOC) identificata tramite genotipizzazione o sequenziamento. La forza di questo sistema è che è in grado di collegare la variante con le caratteristiche del paziente da cui è stata identificata (età, status vaccinale, residenza ecc.).

LEGGI ANCHE:  Covid, l'ultimo decreto del Consiglio dei ministri: obbligo mascherine fino al 30 aprile. Termina la 'follia' del sistema delle zone colorate.

Lunedì 20 dicembre, confermano dall’Iss, sarà effettuata una nuova flash survey per stimare la prevalenza della variante.