Covid-19. Il PE adotta un nuovo regolamento per i vaccini.

Per sviluppare, autorizzare e rendere più facilmente disponibili i vaccini sicuri anti Covid-19, i deputati del PE hanno adottato una deroga temporanea su alcune norme per i test clinici.

Ieri, con una procedura d’urgenza, il Parlamento ha adottato un nuovo regolamento che consentirà di sviluppare più rapidamente i vaccini e i trattamenti anti Covid-19. Il Regolamento è stato adottato con 505 voti favorevoli, 67 contrari e 109 astensioni. Un Regolamento proposto dalla stessa Commissione europea per derogare temporaneamente – solo per il periodo di emergenza sanitaria pubblica – ad alcune disposizioni della Direttiva OGM per le sperimentazioni cliniche sui vaccini anti Covid-19 e sui trattamenti che contengono o sono costituiti da OGM.

LEGGI ANCHE:  Europarlamento. Brexit, giovani e clima.

La deroga si applicherà solo alle operazioni necessarie per condurre la fase di sperimentazione clinica e per un uso compassionevole o di emergenza nel contesto del Covid-19.

Una vera e propria deroga, quindi, ad alcune regole per le sperimentazioni cliniche. La fase di test clinici per i vaccini Covid-19, infatti, richiederebbe molto tempo prima dell’autorizzazione, in quanto dovrebbero essere effettuati in diversi Paesi UE per garantire che le popolazioni a cui sono destinati siano rappresentate e per generare dati solidi e conclusivi.

Inoltre, alcuni vaccini e trattamenti anti Covid-19 già in fase di sviluppo possono essere definiti organismi geneticamente modificati (OGM) e sono quindi coperti dalle direttive UE sugli OGM. Poiché i requisiti nazionali per valutare i rischi ambientali delle sperimentazioni cliniche sui medicinali che contengono o sono costituiti da OGM variano considerevolmente da uno Stato membro all’altro, è necessaria una deroga a queste regole per evitare ritardi significativi nello sviluppo di vaccini e trattamenti salvavita.

LEGGI ANCHE:  Nuovi veritici Ue: il Consiglio europeo elegge Antònio Costa. Rappresentanza italiana marginale.

Foto europarl.europa.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.