Commissione Regionale per le Pari opportunità: “Rispetto della parità di genere nella composizione delle Giunte comunali”. 14 Comuni fuori norma.

La Commissione Regionale per le Pari Opportunità ha ricordato oggi a tutti i primi/e cittadini/e eletti/e nella tornata elettorale delle amministrative 2021 in Sardegna, l’importanza di garantire il “principio generale delle pari opportunità, come sancito dall’art. 51 della Costituzione, e di assicurare la presenza di entrambi i sessi nelle Giunte e negli Organi collegiali del Comune, nonché degli enti, aziende ed istituzioni da essi dipendenti”.

Inoltre, ricordano le commissarie, nei “Comuni con una popolazione superiore ai 3mila abitanti la garanzia delle pari opportunità nelle Giunte è chiaramente espressa dal legislatore attraverso un obbligo inderogabile che attribuisce un valore numerico vincolante, una percentuale minima di rappresentanza del 40%, misura al di sotto della quale nessuno dei due sessi può essere rappresentato, con arrotondamento aritmetico (art. 1, comma 137, Legge Delrio n. 56/2014)”.

LEGGI ANCHE:  Elezioni comunali di Oristano. I programmi elettorali 'poco disruptive' per le politiche giovanili.

Norme scarsamente applicate come rilevato nel corso del monitoraggio effettuato sui comuni sardi: “La Commissione Regionale per le Pari opportunità rileva con preoccupazione ed amarezza quanto accaduto in queste ultime amministrative, in riferimento al mancato rispetto del principio delle Pari Opportunità, ed evidenzia che dal monitoraggio effettuato nei Comuni sardi con una popolazione superiore ai 3mila abitanti ben il 51,9% non abbia rispettato gli obblighi di legge nella composizione delle Giunte. Le Commissarie pertanto richiamiamo i 14 Comuni fuori norma al doveroso rispetto della Legge ed a riequilibrare la composizione delle loro Giunte in forza dei parametri di cui all’art. 1, comma 137, Legge Delrio n.56/2014”.

LEGGI ANCHE:  Fabiana Dadone la ministra boomer: "Per coinvolgere i giovani occorre parlare sui social"...sí, ma di cosa?