Cipro, Kefalogiannis: “48 anni di occupazione illegale da parte della Turchia”.

Lo scorso 20 luglio l’invasione militare da parte della Turchia della parte nord dell’Isola di Cipro – unico paese dell’Unione Europea con il 37% del suo territorio sotto occupazione – ha compiuto 48 anni.

Un “anniversario” che continua a lasciare aperte numerosi questioni di opportunità, nonché di coerenza dell’UE verso la Turchia, come ricordato recentemente dall’eurodeputato del PPE Manolis Kefalogiannis: “La Turchia e la parte turco-cipriota sabotano ogni tentativo di risolvere la questione cipriota e riunificare l’isola, andando contro le risoluzioni delle Nazioni Unite e il diritto dell’UE. La Grecia e la Repubblica di Cipro restano fermamente impegnate nelle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e per una soluzione giusta, attraverso l’istituzione di una federazione bicomunale e bizonale”.

LEGGI ANCHE:  Il mercato unico europeo spiegato in 60 secondi.

Una dichiarazione che cozza con gli annunci di annessione alla Turchia della Repubblica turca di Cipro del Nord come dichiarato in più occasioni dal Governo Erdogan, sulla base di un presunto ‘protocollo di cooperazione tra i due territori’.

Aspirazioni decisamente incoraggiate dall’eccesso di opportunismo diplomatico dell’UE verso l’ingombrante vicino turco. Sul tema, oggi, l’Alto rappresentante dell’UE, Josep Borrell, ha ribadito l’impegno dell’UE “a favore di una soluzione globale sull’azione di un’unione bi-zonale e bi-comunitaria con uguaglianza politica e in accordo con le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, nonché in linea con l’acquis dell’UE e i principi su cui l’UE si fonda”.

“Il modo migliore per risolvere la questione cipriota è la ripresa dei negoziati formali per una soluzione globale”, ha aggiunto Borrell, dimenticandosi, forse, dello scarso tenore democratico della controparte turca.

LEGGI ANCHE:  Ucraina. Prosegue la mobilitazione delle truppe statunitensi in Europa.

“L’UE – conclude l’Alto rappresentnate – continuerà a seguire le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, in particolare la Risoluzione 550 (1984) e la Risoluzione 789 (1992)”.

foto Philippe Buissin Copyright: © European Union 2022 – Source : EP