CIDA: “Coordinare investimenti e interventi per i giovani”.

“Gli investimenti e gli interventi in materia di politiche attive per il lavoro giovanile devono essere gestiti in maniera coordinata, continuativa ed efficace per garantire che i nostri giovani possano essere gli artefici di un futuro equo e sostenibile per il Paese, anche in una dimensione internazionale e globale”.

Lo ha ribadito Licia Cianfriglia, Vicepresidente CIDA – la Confederazione Italiana Dirigenti e Alte Professionalità -, intervenendo al Tavolo di partenariato per il PNRR in occasione dell’audizione della ministra per le Politiche giovanili Fabiana Dadone.

La necessità di intervenire sulla situazione giovanile è centrale per la CIDA, come ricordato da uno specifico approfondimento al tema contenuto nell’ultimo numero dell’Osservatorio Labour Issues “L’occupazione giovanile in Italia: andamento e confronto con i principali Paesi europei”.

LEGGI ANCHE:  Peste suina, 40 capi illegali abbattuti a Urzulei.

Per realizzare azioni efficaci, ricordano dalla confederazione, serve conoscenza della realtà e sinergia degli interventi.

“Il futuro – conclude la nota della CIDA – non si costruisce calandolo dall’alto in forza di leggi, serve convinzione delle persone, conoscenza delle occasioni, partecipazione alle scelte ed è dunque fondamentale il coinvolgimento del mondo manageriale sia nella fase di programmazione che nella valutazione d’impatto degli investimenti”. A tale proposito, nel suo intervento, Cianfriglia ha espresso rammarico per il mancato inserimento delle parti sociali nel COVIGE, il Comitato per la Valutazione dell’Impatto Generazionale delle politiche pubbliche presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata

LEGGI ANCHE:  Vaccinazioni, Hub di Oristano: le precisazioni sulle modalità di prenotazione e accesso.