Autonomia differenziata. C’è chi dice sì. Pais: “Opportunità per la Sardegna”.

In risposta alle recenti dichiarazioni della presidente della Giunta regionale Alessandra Todde, la Lega Sardegna ha ribadito oggi l’importanza “dell’autonomia come opportunità per la Sardegna per rivendicare il rispetto dell’insularità e maggiori risorse”.

L’autonomia, secondo la narrazione odierna della lega sarda, “non solo preserva i diritti delle regioni a Statuto speciale, ma  rappresenta anche un meccanismo per garantire un trattamento adeguato e personalizzato di ogni territorio con la definizione dei Livelli essenziali delle prestazioni dei diritti civili e sociali che dovranno essere specificati meglio nelle isole”.

“È sorprendente che la presidente di una regione già autonoma si opponga all’idea di ulteriore autonomia – ha dichiarato Michele Pais, coordinatore regionale della Lega -. Dovremmo invece chiedere maggiore autonomia, soprattutto nelle attribuzioni previste dallo Statuto speciale sardo, e pretendere rispetto dallo Stato centrale. Anziché lamentarsi di rischi inesistenti, la Todde approfitti di questa opportunità per richiedere il rispetto del principio di insularità, per la difesa dei diritti dei sardi, storicamente negati dallo Stato centrale”.

LEGGI ANCHE:  Posidonia, Michele Pais (Lega): "Trasformare problema in opportunità economica".

“Il lavoro del ministro Calderoli fornisce importanti garanzie, inclusa l’attenzione all’insularità, che per la prima volta compare in un testo di legge e costituisce il parametro per superare deficit infrastrutturali e dei trasporti, ma non solo. Il rispetto dell’insularità nella definizione dei LEP e per l’eliminazione dei gap infrastrutturali, inizialmente assente nella bozza originaria del testo, è stato inserito nella legge dal Governo su richiesta specifica della Regione e  rappresenta un ulteriore garanzia per la specificità della Sardegna. Penso sia una conquista importante per la nostra Regione sottaciuta da tutti, di cui ringrazio Calderoli – continua Pais. Da questo momento la definizione dei LEP (Livelli Essenziali delle Prestazioni) dovrà essere garantita uniformemente da nord a sud per ridurre le disparità ma soprattutto rispettare e articolare il principio di insularità”.

LEGGI ANCHE:  Zona rossa, Fratelli d'Italia al Governo: “Basta dispetti politici".

foto Sardegnagol, riproduzione riservata