Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com La mostra itinerante “Cin Cin Cannonau” fa tappa a Pula. - Sardegnagol

La mostra itinerante “Cin Cin Cannonau” fa tappa a Pula.

Dopo Villasimius e Santa Teresa, la mostra “Cin Cin Cannonau” arriva a Pula per un’altra tappa della mostra itinerante che sta riscuotendo un grande successo. Dal 18 al 27 luglio si aprono le porte di Casa Frau in piazza del Popolo dalle 18.30 alle 23. Il Cannonau raccontato ai visitatori, attraverso pannelli bilingue, grafici, foto, didascalie e testi, un percorso lungo oltre tremila anni, dai nuraghi ai giorni nostri.

Cannonau di Sardegna, la DOC madre; Cannonau Classico, Nepente di Oliena, Cannonau di Jerzu e Cannonau Capo Ferrato le sottozone di produzione, sono il frutto della probabile storia ultra millenaria del Cannonau, diventato il quarto vitigno da vino a bacca rossa, più coltivato nell’intero Pianeta. L’evento consentirà a turisti e appassionati di conoscerne e apprezzarne le differenti qualità.

LEGGI ANCHE:  Vino: Intesa Stato-Regioni sulla 'Vendemmia verde'

Ad affiancare la mostra è previsto un ricco calendario di appuntamenti ogni sera diversi. Il programma prevede dopo la serata inaugurale del 18 luglio alle 18.30, il 19 e il 24 luglio due degustazioni guidate: accompagnati da sommelier esperti gli ospiti saranno invitati a distinguere le caratteristiche visive, olfattive e gustative dei cinque vini in esame. Un’occasione per capire quanto le peculiarità di ciascun territorio riescano a influenzare le differenti qualità della Doc e delle sottozone e per apprezzare meglio uno dei vini più conosciuti al mondo.

Il 20 e il 23 luglio invece si terranno i salotti enogastronomici, durante i quali un’esperta degustatrice accoglierà i visitatori offrendo loro approfondimenti ogni volta diversi sul tema dell’enogastronomia sarda, legata al territorio isolano. Gli ospiti potranno degustare i prodotti locali e apprenderne aspetti nuovi e poco noti.

LEGGI ANCHE:  Scuola dei beni e delle attività culturali. Vincenzo Trione è il nuovo presidente

Le serate del 21 e del 25 saranno dedicate invece alle ricette made in Sardinia: uno show cooking grazie al quale si potranno imparare le tecniche per preparare un menù sardo a regola d’arte e gli abbinamenti perfetti coi vini, assaporandoli poi con la degustazione finale.

Il quinto giorno, il 22 luglio ci sarà la serata delle Chiacchiere di vino: protagonista Tonino Arcadu, che racconterà esperienze e aneddoti che soddisferanno la curiosità dei visitatori.

La penultima serata in programma – il 26 luglio – invece prevede l’appuntamento l’Asta dell’Oste ubriaco, dove saranno messi all’incanto bottiglie di vino.

“Parlare di vino significa parlare implicitamente della storia dell’uomo, una storia che affonda le sue radici nella notte dei tempi. La Sardegna – ha affermato Massimiliano Zucca del Comune di Pula – è una terra nella quale la viticoltura ancora oggi rappresenta un’eccellenza, non si può prescindere dal parlare della cultura legata al vino, è bene divulgarla in tutte le sue forme”.

LEGGI ANCHE:  Fondazione Oristano. Giulia Contu subentra a Dora Soru